Ecomondo e Key Energy: l’economia circolare sempre più internazionale

Ecomondo e Key Energy manifestazioni di portata sempre più internazionale

A cura di AdnKronos

Ecomondo e Key Energy manifestazioni di portata sempre più internazionale. La grande piattaforma europea della green economy dal 7 al 10 novembre torna alla Fiera di Rimini, organizzata da Ieg (Italian Exhibition Group) con un programma di incontri, convegni, seminari e tavole rotonde pensati appositamente per una platea mondiale. Il tutto all’interno di un palinsesto con oltre 200 appuntamenti che coinvolgono un migliaio di relatori.
In tema di gestione dei rifiuti, martedì 7 novembre il workshop “Integrated management and enhancement of secondary organic flows of urban origin” (Gestione integrata e valorizzazione dei flussi organici secondari di origine urbana) presenta e mette a confronto i più avanzati programmi attraverso i case studies di alcune città europee, come Barcellona, località del Galles del Sud, Maribor.
Organizzato da Utilitalia insieme al Comitato Scientifico di Ecomondo, mercoledì 8 novembre l’appuntamento è con l’approfondimento su “Municipal waste management in urban areas: comparing international experiences in the perspective of circular economy”,11esimo incontro annuale che fa il punto sui progressi nella gestione dei rifiuti urbani.
Nella giornata di apertura di Ecomondo (martedì 7 novembre) l’InfoDay organizzato dalla Regione Emilia-Romagna sul progetto Co-Evolve (Interreg MED 2016-2019) per presentare e incoraggiare la discussione sulle principali strategie e iniziative in corso per lo sviluppo di un turismo sostenibile costiero e marittimo nel Mediterraneo. “Sostenibilità del turismo costiero e marittimo e crescita blu del Mediterraneo” è il titolo del convegno che rinvia alla Strategia per la crescita blu dell’Ue, che identifica il turismo costiero e marittimo come un settore con un potenziale particolare per promuovere un’Europa intelligente, sostenibile e inclusiva.
Mercoledì 8 novembre incontro “Circular & Smart Cities” a cura del Comitato tecnico scientifico di Ecomondo che presenta e discute i diversi aspetti legati all’applicazione dell’economia circolare in ambiente urbano, attraverso moderne tecnologie come Internet of Things e Big Data Analytics. Saranno discusse esperienze e iniziative recenti in diversi Paesi al fine di individuare le migliori pratiche da attuare a favore dei cittadini.
Nella stessa giornata l’appuntamento centrale della sezione Global Water: “Smart water monitoring for river and lake basin management. European ICT based solutions for smart water quality monitoring and basin management: the Horizon2020 intcatch innovation action in Lake Garda” (Controllo intelligente dell’acqua per la gestione del bacino del fiume e del lago. Soluzioni basate su ICT per il monitoraggio della qualità delle acque e la gestione del bacino: l’azione di innovazione Horizon2020 nel lago di Garda).
Appuntamento dedicato alle soluzioni digitali, comprese quelle dell’industria 4.0 (Internet of things), per ottimizzare il settore idrico. L’incontro, coordinato dal professor Francesco Fatone, è a cura del Comitato Scientifico di Ecomondo e trae spunto dall’azione di innovazione europea Intchach che nell’ambito del progetto Horizon 2020 mira a rivoluzionare le modalità di monitoraggio e gestione della risorsa idrica. Case study in Italia per le soluzioni innovative di Intcatch è il bacino del Lago di Garda.
“Circular raw materials and resource efficiency” (Le materie prime circolari e l’efficienza delle risorse) mercoledì 8 novembre, organizzato da Enea, Edizioni Ambiente, Renewable Matter e Comitato tecnico scientifico di Ecomondo, è un convegno per approfondire il nuovo approccio industriale che traduce in pratiche concrete l’economia circolare. Il tema chiave è l’uso sostenibile e l’approvvigionamento di materie prime.
E’ proposto dalla Piattaforma nazionale del biometano e dal Comitato tecnico scientifico di Ecomondo l’incontro su “Biomethane: Agricultural and Industrial Revolution” (Biometano: rivoluzione agricola e industriale, mercoledì 8 novembre). Giovedì 9 novembre approda ad Ecomondo la discussione su “The EU Construction & Demolition Waste Management Protocol” ovvero il Protocollo europeo per la gestione dei rifiuti di costruzione e demolizione.
Nella giornata conclusiva, venerdì 9 novembre, sono in programma i convegni internazionali su “Energy-efficient urban-scale optimization: projects and innovation opportunities” (Ottimizzazione energetica su scala urbana: progetti e opportunità di innovazione); “The marine litter: Prevention measures and management for a more productive sea” (Rifiuti marini: misure di prevenzione e gestione per un mare più produttivo) organizzato insieme a Legambiente, Enea, Università di Bologna, Università di Siena, Cluster Blue Growth, Sustainable Development Solutions; “REACH Regulation and circular economy: a feasible coexistence thanks to technological innovation” (Regolamento REACH e economia circolare: una coesistenza fattibile grazie all’innovazione tecnologica) organizzato da Enea e dal ministero dell’Economia.
Allo stato dell’arte in materia di energia eolica nel mondo, alle opportunità di sviluppo dei mercati su scala nazionale e internazionale, guarda infine la tavola rotonda organizzata dall’Anev dal titolo “Wind energy: international market” (Energia del vento: il mercato internazionale) proposto nell’ambito di Key Energy mercoledì 8 novembre.