Il Colosseo si illumina di verde per le malattie mitocondriali

Nella notte tra il 16 e il 17 settembre il mondo brillerà di verde. In occasione della Settimana mondiale di sensibilizzazione sulle malattie mitocondriali

Nella notte tra il 16 e il 17 settembre il mondo brillerà di verde. In occasione della Settimana mondiale di sensibilizzazione sulle malattie mitocondriali, che si tiene ogni anno la terza settimana di settembre, un centinaio di monumenti ed edifici in tutto il mondo, tra cui il Colosseo e molti altri in Italia, verranno illuminati del colore simbolo di queste patologie: dall’Oceania all’America, passando per l’Europa, la campagna di comunicazione globale #lightupformito intende mantenere alta l’attenzione sulle patologie mitocondriali, scoperte 55 anni fa. Organizzata da IMP – International Mito Patients, l’iniziativa in Italia è promossa da Mitocon Onlus, che farà illuminare il Colosseo.

Oltre a Roma, molte altre città hanno aderito alla campagna, tra cui Alessandria, Bari, Bernalda, Bologna, Brescia, Firenze, Foggia, Genova, Mestre, Miglionico, Padova, Palermo, Perugia, Policoro, Porto Tolle, Rovigo, Savona, Trezzo sull’Adda, Trani, Trieste, Vasto, Venezia, Venosa e Verona. L’elenco completo e in costante aggiornamento è visibile sul sito www.mitocon.it. L’iniziativa concorre al Guinness World Record per il “maggior numero di monumenti ed edifici illuminati per una causa nell’arco di 24 ore”, attualmente fissato a 38 monumenti.

La tragica storia del piccolo Charlie Gard, affetto da una patologia mitocondriale, ha fatto conoscere al mondo storie simili a quelle di tanti pazienti, oltre 15mila solo in Italia. Ora è necessario non lasciarli al buio e incentivare la ricerca, nella speranza che nuove scoperte possano migliorare la qualità della vita dei mito-pazienti”, dichiara Piero Santantonio,

Presidente di Mitocon. A chiusura della Settimana, dal 22 al 24 settembre, avrà luogo a Milano il 7° Convegno Nazionale sulle Malattie Mitocondriali: verranno presentati gli ultimi progressi scientifici a medici e ricercatori, ma anche a pazienti e famiglie, incoraggiando incontri e confronti di esperienze tra chi studia queste malattie e chi le vive. In apertura, la mattina del 22 settembre, si terrà il seminario “Scelte di salute consapevoli in situazioni complesse: esperienze e riflessioni con il supporto della bioetica”.