Lamponi: frutti versatili, succosi e ricchi di virtù benefiche

Appartenenti alla famiglia delle Rosacee, i lamponi sono frutti versatili, succosi e ricchi di virtù benefiche. Scopriamo quali e come utilizzarli in cucina

Il Rubus idaeus, chiamato da Dioscoride “rovo del monte Ida” per essere stato particolarmente abbondante in Grecia, sul Monte Ida, è un arbusto appartenente alla famiglia delle Rosacee che produce i succulenti lamponi, frutti versatili, dall’aspetto globoso, di color rosso/rosa, ricoperti di finissima peluria. I lamponi, si sa, fanno bene a tutti, persino ai diabetici, contenendo pochissimi zuccheri. Energetici, digestivi, aperitivi, mineralizzanti e vitaminici, essi sono, inoltre, antinfiammatori, antiossidanti, antitumorali, specie nei confronti del cancro intestinale. Ricchi di fibre, contrastano la stitichezza e donano un prolungato senso di sazietà. Ipocalorici (contengono solo 32 calorie per 100 grammi), diuretici, depurativi, sono consigliati in gravidanza, apportando benefici allo sviluppo fetale e migliorando l’elasticità delle pareti dei vasi sanguigni.

L’infuso di foglie è utile a contrastare la diarrea, per l’effettuazione di impacchi sugli occhi infiammati, contro emorroidi, reumatici e mal di gola. Ma non è tutto. I lamponi abbassano il colesterolo, proteggono la pelle dai raggi solari e dall’inquinamento, contrastano la comparsa delle rughe, prevengono la degenerazione maculare, donano lucentezza e vigore ai capelli, rafforzano le unghie. Tantissimi i loro impieghi in cucina: al naturale, per la preparazione di salse, alternative insalate, per accompagnare carni rosse e cacciagione, per la realizzazione di crostate, semifreddi e gelati oppure gelatine, confetture, ripieno di cioccolatini, sciroppe, grappe o uno squisito aceto aromatizzato.