Salute: il cioccolato all’olio d’oliva è un toccasana per il cuore

Il cioccolato fondente all'olio extravergine di oliva toscano è un vero e proprio toccasana per il cuore, un rimedio naturale per combattere l'invecchiamento dell'apparato cardiovascolare

Una ricerca dell’Università di Pisa presentata a Esc 2017, il congresso della Società europea di Cardiologia che si è svolto a Barcellona nei giorni scorsi, ha rivelato gli effetti benefici che avrebbe sul cuore il cioccolato fondente all’olio extravergine di oliva toscano. L’intuizione dei ricercatori è stata quella di unire alcuni alimenti noti per le loro proprietà antiossidanti creando due combinazioni di cioccolato fondente, con il 10% di olio extravergine toscano e con il 2,5% di una mela di varietà antica, la Panaia del Casentino. Da qui è poi partita la sperimentazione clinica: il cioccolato è stato testato su 26 volontari (14 uomini e 12 donne) che avevano almeno tre fattori di rischio cardiovascolare, come fumo, ipertensione, dislipidemia o presenza in famiglia di malattie cardiovascolari. E’ emerso che il cioccolato fondente all’olio extravergine d’oliva aveva determinato un calo della pressione arteriosa, un aumento del colesterolo ”buono” senza provocare aumento di peso o problemi di glicemia. ”E’ noto che il consumo di cacao riduce significativamente l’impatto di alcune patologie cardiovascolari”, ha spiegato Rossella Di Stefano, una delle ricercatrici che hanno partecipato al progetto. ”L’idea di arricchire il cioccolato con olio extra vergine d’oliva – ha aggiunto – è partita dal progetto ”Toscolata” finanziato dalla Regione Toscana al quale abbiamo partecipato insieme all’Istituto per la valorizzazione del legno e delle specie arboree del Cnr-Invalsa, all’Università di Siena e all’Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa”. ”E’ stata una grande soddisfazione – ha concluso Rossella Di Stefano – poter esporre questi risultati a Esc 2017, uno dei più importanti appuntamenti per la nostra comunità scientifica a cui hanno partecipato più di 31mila delegati provenienti da 153 paesi dei 5 continenti. Lo studio clinico è stato realizzato da una équipe di ricercatori composta da Rossella Di Stefano della sezione di Cardioangiologia universitaria diretta dal professor Vitoantonio Di Bello, da Francesca Felice ed Ester Belardinelli del laboratorio di ricerca Cardiovascolare del dipartimento di Patologia Chirurgica, Medica, Molecolare e Dell’Area Critica e da Valentina Domenici e Mario Cifelli del Laboratorio di Nmr del dipartimento di Chimica e Chimica industriale.