Terremoto: primo giorno di scuola ad Arquata

Primo giorno di scuola per 70 ragazzi del terremoto oggi ad Arquata del Tronto

Gli studenti della scuola d’infanzia, primaria e secondaria nel loro primo giorno di scuola ad Arquata, hanno trovato ad accoglierli la nuovissima scuola antisismica costata 2,6 mln di euro. La dirigente scolastica Patrizia Palanca la definisce “Una struttura innovativa e all’avanguardia che e’ un segno di rinascita ma ancor di piu’ di grande speranza”.  Il sindaco Aleandro Petrucci ha commentato: ”Oggi per me e per tutta la comunita’ di Arquata e’ un giorno importantissimo ed emozionante. Ringrazio la Fondazione e tutte le ditte che hanno lavorato senza sosta per tutta l’estate per mantenere la promessa di darci questa scuola con l’inizio dell’anno scolastico. Ulteriore esempio che quando scende in campo il privato le cose vanno piu’ velocemente”. Per Palanca il ”punto dolente sono i ritardi nella composizione degli organici. Ma questo – ha detto – succede un po’ in tutte le scuole”. Nell’Istituto scolastico comprensivo di Acquasanta, che ricomprende la scuola di Arquata, ”ci sono molte ore mancanti soprattutto in italiano e lingua, con un conseguente accorpamento di classi”. Quanto alle pluriclassi che il Terremoto ha reso obbligatorie, perche’ le scuole inagibili sono ancora tante, la dirigente ha ricordato che ”c’e’ un decreto del ministro Valeria Fedeli che indica come chiara finalita’ il ripristino dello status quo dell’organico come era prima del sisma. Stiamo aspettando un altro atto dal direttore dell’Ufficio scolastico regionale per risorse aggiuntive che ho chiesto gia’ nel giugno scorso”