Vaccini, Fedeli: tra scuola e genitori “preferisco che la discussione resti nell’ambito civile”

Fedeli: "la maggioranza dei presidi e del personale scolastico ha facilitato le famiglie sul tema vaccini, perche' noi vogliamo che la scuola accolga tutti"

La ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, ai microfoni di Rtl, parlando dell’obbligo vaccinale e delle polemiche in occasione dell’avvio dell’anno scolastico, ha dichiarato: “Quando c’e’ una tensione, un conflitto, un confronto aspro tra adulti – in questo caso tra scuola e genitori che non hanno i certificati” delle vaccinazioni o della prenotazione – “preferisco che la discussione resti nell’ambito civile di un confronto anche aspro e che non si faccia vivere il fatto di vedere i Carabinieri, che sono sempre a tutela della legge e dei cittadini” ai bambini. “Far vivere loro un’esperienza come quella non mi piace, preferisco che le cose si risolvano tra adulti, che al centro hanno il rispetto della legge” – e ha concluso – “Di fronte a genitori che persistono nella scelta di non farli vaccinare questi genitori devono sapere che la sanzione oltre che economica ricade sul figlio. E’ una responsabilita’ dei genitori, perche’ fa sempre male dire che un bambino e’ stato respinto. In realta’ sono i genitori, che non mettendosi in regola con la legge, scelgono per i loro figli di non mandarli a scuola”.