Zero rifiuti: 5 eco-regole che tagliano anche il 40% delle spese

Zero rifiuti in casa: non solo un motto, ma anche un obiettivo. E nella vita di una famiglia di quattro persone piu' cane, e' diventato realta'

Zero rifiuti in casa: non solo un motto, ma anche un obiettivo. E nella vita di una famiglia di quattro persone piu’ cane, e’ diventato realtà: tanto da riuscire a comprimere tutta la spazzatura prodotta in un anno all’interno di un barattolo da un litro. Lo racconta Bea Johnson, autrice del libro che si chiama proprio ‘Zero rifiuti in casa’, presentato nella sede del Gse (Gestore dei servizi energetici), in cui spiega come replicare la sua ‘eco-storia’.

Per farlo, bisogna iniziare con cinque regole: rifiutare (cio’ di cui non abbiamo bisogno), ridurre (cio’ di cui abbiamo bisogno, ma che non possiamo rifiutare), riutilizzare (cio’ che consumiamo e non possiamo ne’ rifiutare ne’ ridurre), riciclare (cio’ che non possiamo ne’ rifiutare ne’ ridurre ne’ riutilizzare), ridurre in compost (il resto). In questo modo, spiega, la famiglia e’ riuscita a ridurre il budget del 40%.

Il libro – prosegue – racconta tante piccole soluzioni e consigli pratici per vivere in modo sostenibile: fabbricarsi il dentifricio, confezionare il pranzo per i figli senza usare la plastica, evitare montagne di pubblicita’ indesiderata nella cassetta postale. Le ‘misure’ verdi che rendono la vita piu’ leggera, osserva nella prefazione la presidente di Legambiente Rossella Muroni, ci dicono che “e’ questo il segreto: difendere il Pianeta non e’ piu’ un limite allo sviluppo economico, ma ne rappresenta invece un orizzonte di crescita. E’ uno sviluppo diverso: piu’ giusto, piu’ equo, piu’ partecipato, e tutti abbiamo voglia e possibilita’ di partecipare”.