Alluvione Livorno, Rossi: “Avviare presto i lavori necessari”

"Il mio commissariamento durera' un anno. Vogliamo iniziare tutti i lavori necessari e fare le cose in modo che poi non dobbiamo tornarci sopra"

“Il mio commissariamento durera’ un anno. Vogliamo iniziare tutti i lavori necessari e fare le cose in modo che poi non dobbiamo tornarci sopra. In alcuni casi si interverra’ con la somma urgenza, in altre tramite la via ordinaria. Mi auguro che entro febbraio o marzo del prossimo anno tutto sia appaltato e possa andare in esecuzione”. Lo afferma il presidente della Toscana Enrico Rossi, commissario delegato dal Governo per l’emergenza a Livorno, al termine di un sopralluogo che lo stesso Rossi ha effettuato nel pomeriggio sui cantieri aperti nelle aree alluvionate il 10 settembre scorso nei territori comunali di Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo.

“Sono aperti molti cantieri e stiamo intervenendo su circa 80 situazioni – dice Rossi -. Assieme a noi stanno intervenendo anche altri Enti, i Comuni interessati e la Provincia. Nel complesso c’e’ stata una grande capacita’ di risposta. Oggi ho fatto un sopralluogo nel territorio di Collesalvetti e poi sono andato alla periferia di Livorno a vedere altre criticita’. Adesso bisogna togliere le tombature per restituire ai fossi i loro corsi d’acqua. Entro la prossima settimana o al massimo quella dopo avremo il piano di tutti gli interventi da fare. Forse ci sara’ bisogno di altri finanziamenti, ma noi vogliamo fare un lavoro capace di durare nel tempo”.

Ad accompagnare il presidente e commissario delegato, le assessori regionali Federica Fratoni e Cristina Grieco. “Il lavoro di ricostruzione dei ponti e di mitigazione del rischio idraulico e’ in corso ed e’ anzi ormai in fase avanzata”, precisa Rossi.

“Dove e’ stato necessario, nella ricostruzione dei ponti, siamo intervenuti utilizzando le tecnologie di Rfi. La ripulitura di fiumi e torrenti sta invece proseguendo ad opera degli uomini del Genio civile e dei Consorzi di bonifica. A un mese dall’alluvione e’ innegabile che un grande sforzo e’ stato fatto, anche se adesso vogliamo migliorare l’assetto idrogeologico del territorio”.

Il sopralluogo e’ iniziato dal torrente Morra in localita’ Crocino a Collesalvetti, dove e’ in fase di ricostruzione un ponte, per proseguire sulla strada provinciale per il Gabbro in due diversi siti in localita’ Ferriere, dove la strada e’ franata, poi alla foce del rio Banditella, ad Antignano, dove e’ stato allargato l’alveo del torrente e rimodellata la foce, per concludersi prima con una sosta in piazza delle Carrozze, a Montenero, ed infine sotto il colle di Montenero, al Botro della Giorgia, nelle immediate vicinanze della citta’ di Livorno. Il sopralluogo odierno fa seguito a quello effettuato dal presidente Rossi alcuni giorni fa in occasione della riapertura ufficiale dei ponti del Limocino sul rio Maggiore e di via Remota sul rio Ardenza.

“Per la riduzione del rischio in piazza delle Carrozze sono in corso di valutazione alcune particolari soluzioni”, dice ancora il presidente Rossi. “Piu’ in generale, abbiamo fatto questi sopralluoghi e ne faremo altri nelle prossime settimane per continuare a verificare le criticita’ prodotte dall’alluvione e gli interventi che possiamo mettere in campo per superarli”.

I lavori di ripulitura da detriti di ogni genere degli alvei e delle sezioni idrauliche, in questo mese, e’ proseguito per impedire, anche in vista della cattiva stagione, che si possano determinare pericolose ostruzioni ai corsi d’acqua. Squadre di tecnici del Genio civile, assieme agli uomini del Consorzio di bonifica Toscana Costa e del Consorzio di bonifica Basso Valdarno, stanno adeguando gli argini danneggiati dei fiumi e dei torrenti della zona, dal fiume Ugione ai torrenti Nugola e Tora nel territorio comunale di Collesalvetti, dal rio Maggiore e alla Cigna a Livorno, fino al torrente Chioma nel territorio di Rosignano.