Arance rosse di Sicilia: uno scrigno di virtù salutari e versatilità

Le arance rosse di Sicilia sono un alimento imperdibile delle tavole autunnali. Scopriamone virtù salutari e possibilità di impiego in cucina

La definizione arance rosse di Sicilia è utilizzata per indicare alcune varietà d’arance a Indicazione Geografica Protetta, coltivate in numerosi centri della provincia di Catania, Enna e Siracusa… varietà come il Tarocco, il Moro, il Sanguinello.

Dalla buccia color arancio acceso, con sfumature rosse, variabili a seconda della varietà e del momento della raccolta, dal sapore dolce inconfondibile, dvono le loro eccezionali virtù salutari al clima caratteristico della Sicilia, con giorni caldi e notti fredde… condizioni ambientali irriproducibili.

Tante le loro proprietà benefiche: riducono lo stress ossidativo e il rischio di invecchiamento, contrastano, grazie alle antocianine, gli stati infiammatori, sono un ottimo rimedio naturale contro l’anemia, favorendo l’assorbimento dl ferro. Buone alleate della vista, ipocaloriche, preziose per il corretto funzionamento del metabolismo, le arance rosse di Sicilia prevengono obesità e malattie cardiache, sono rimineralizzanti, vitaminiche e ricche d’acqua, evitando diabete, arterosclerosi e malanni stagionali. Esse, inoltre, favoriscono il transito intestinale, rafforzano ossa, denti, cartilagini, tendini e legamenti, cicatrizzano le ulcere gastriche, le ferite da intervento chirurgico e facilitano la guarigione delle fratture.

Le arance rosse attenuano le difficoltà circolatorie da cellulite, vene varicose ed emorroidi, esercitano un’azione antistress, stimolano l’appetito, la digestione, curano le imperfezioni cutanee, riducono il rischio di parto prematuro, sono fondamentali per il buon funzionamento del sistema nervoso, stimolano la rigenerazione dei tessuti. Come consumare le arance rosse? Al naturale, in spicchi, in spremute, frullate, in macedonie, cockail di frutta, marmellate o nella preparazione di torte, crostate e liquori.