Corea del Nord, ‘hacker di Pyongyang rubarono i piani Usa-Seul’: ‘informazioni al sicuro’

Il Pentagono e' a conoscenza dei report di stampa sul furto da parte di hacker nordcoreani dei piani operativi Usa-Corea del Sud in caso di guerra, ma assicura che tutte le informazioni sono al sicuro

LaPresse/Reuters

Il Pentagono e’ a conoscenza dei report di stampa sul furto da parte di hacker nordcoreani dei piani operativi Usa-Corea del Sud in caso di guerra, ma assicura che tutte le informazioni sono al sicuro. Ieri il deputato sudcoreano del Partito Democratico Lee Cheol-hee ha affermato, citando fonti anonime della Difesa, che i pirati informatici erano riusciti a sottrarre 235 gigabyte di documenti militari, di cui circa l’80% ancora da identificare. Tra i file classificati, dossier sulle forze speciali, relazioni sui comandi alleati, impianti militari strategici e addirittura il piano per “decapitare la leadership nordcoreana”.

“Posso assicurare che siamo fiduciosi nella sicurezza dei nostri piani operativi per affrontare ogni minaccia del Nord”, ha affermato il colonnello Rob Manning, portavoce del Pentagono, rifiutandosi di commentare la veridicita’ dell’hackeraggio definita “materia di intelligence”. Gli Usa continueranno a “lavorare a stretto contatto coi nostri partner nella comunita’ internazionale per identificare, rintracciare e rispondere ad ogni minaccia cyber”, ha concluso Manning.