Intelligenza Artificiale, Jerry Kaplan: “La tecnologia del futuro sarà meno invasiva rispetto ad oggi”

Jerry Kaplan: "La tecnologia del futuro sarà meno invasiva ma ci saranno delle questioni etiche e sociali che dovranno essere affrontate"

Jerry Kaplan, docente di Intelligenza Artificiale alla Stanford University, oggi nella sala Capitolare del Senato in occasione della presentazione del suo libro, ha dichiarato: “Sono a rischio tutti quei lavori ripetitivi e sistematici che potranno essere sostituiti dalla macchine, ma sono al sicuro tutti quelli per i quali la presenza umana e’ indispensabile, come ad esempio prendersi cura dei bambini e degli anziani. E’ certo che alcune professioni scompariranno, ma compariranno delle nuove e il problema si spostera’ sulle competenze: il cambiamento sarà così veloce che molti lavoratori non avranno tempo di adeguarsi. Ecco perché sara’ fondamentale non solo l’istruzione per i giovani ma una formazione che sostenga in modo costante chi già lavora da tempo“. “La tecnologia del futuro sara’ meno invasiva rispetto ad oggi e ci aiutera’ a migliorare la nostra vita, non nascondo pero’ che ci saranno delle questioni etiche e sociali che dovranno essere affrontate per limitare, in alcuni casi, l’utilizzo di queste nuove macchine. Non dovra’, inoltre, essere sottovalutato l’impatto economico, perche’ si rischia un aumento ulteriore del divario tra ricchi e poveri e tra chi potra’ acquistare la nuova tecnologia e chi no. In questo caso un ruolo decisivo dovra’ essere giocato dalle politiche economiche dei vari Paesi che troppo spesso sono scollate dai problemi sociali“.