Clima: India, Cina e Iran nella morsa delle polveri ‘invernali’

Clima: il problema delle polveri invernali preoccupa una gran parte della popolazione mondiale, tra cui India, Cina e Iran

LaPresse/Reuters

Clima: il problema delle polveri invernali preoccupa una gran parte della popolazione mondiale, tra cui India, Cina e Iran. Non solo New Delhi: nella morsa delle polveri sottili ci sono anche Pechino e Zabol – cittadina iraniana orientale al confine con l’Afghanistan – tutte e tre considerate le piu’ inquinate al mondo per via di una combinazione di “fattori sia naturali che causati dall’uomo”.

Lo spiega il quotidiano ‘Hindustan Times’,  citando uno studio dell’Organizzazione mondiale della sanita’ (Oms). La settimana scorsa a New Delhi le polveri sottili hanno superato di quattro volte il limite considerato dannoso per la salute umana.

Come ricorda l”Hindustan Times’, !all’arrivo dell’inverno tutte e tre le citta’ piu’ inquinate del mondo vanno incontro a questo problema: l’arrivo di correnti fredde porta le particelle inquinanti verso il basso, aumentandone la concentrazione. L’assenza di correnti a livello del terreno inoltre fa si’ che non possano essere disperse nell’atmosfera.”

Oltretutto le attività umane: in Cina e’ determinante la massiccia emissione di CO2 nell’aria da parte dell’industria, in India contribuiscono sopratutto gli incendi da parte dei contadini del Punjab e dell’Haryana. Lo stesso accade anche nei dintorni di Zabol, in Iran, che con i suoi 130mila abitanti è una città molto più piccola. Ogni anno pero’ viene colpita da circa 80 tempeste di sabbia, che portano con se’ anche inquinanti da Afghanistan e Pakistan. Gli scienziati hanno piu’ volte lanciato l’allarme, sostenendo che respirare aria cosi’ inquinata riduce le aspettative di vita.