Diabete e sport: un manuale per combattere la malattia

Diabete: per chi soffre di questa patologia lo sport e l'attività fisica sono una parte importante della terapia e per il benessere della persona

Attivita’ fisica e pratica sportiva per i pazienti diabetici come parte importante della terapia e per il benessere della persona. E’ questo il senso della campagna “diabete: Liberi di vincerlo” che l’Associazione Nazionale Atleti Diabetici (Aniad) ha lanciato in collaborazione con la Federazione Italiana Rugby (Fir) alla vigilia della sfida tra Italia e Argentina. L’iniziativa prevede la distribuzione di un vero e proprio manuale con tutte le indicazioni e i consigli per i diabetici sull’attivita’ sportiva e sulla malattia.

“I diabetici che praticano sport sono sempre piu’ numerosi – ha spiegato Gerardo Corigliano, diabetologo e fondatore di Aniad – con risultati paragonabili a quelli degli atleti non diabetici. Naturalmente e’ importante rispettare alcuni accorgimenti e controllare sempre il valore della glicemia. Con il proprio diabetologo si puo’ mettere a punto il programma piu’ adatto e migliorare la capacita’ di autocontrollo della malattia anche grazie a sistemi di monitoraggio sempre piu’ sofisticati”.

Un progetto condiviso dalla Fir, come ha spiegato Luigi Troiani, team manager della nazionale di rugby: “Il nostro obiettivo come Federazione e’ diffondere queste informazioni a tutti i livelli. Grazie a questa collaborazione sara’ possibile trasmetterle anche ai club di tutta Italia”. A sottolineare l’importanza dell’attivita’ fisica e’ il presidente di Aniad, Marcello Grussu: “In passato per i diabetici era impossibile fare sport, oggi invece e’ importante sia per una piena integrazione sociale, sia per gli indubbi benefici fisici. Ma c’e’ ancora tanta strada da fare: i diabetici in Italia sono oltre quattro milioni; di questi, ancora oggi, il 64 percento degli over 45 non pratica nessuna attivita’ sportiva e il 26 percento e’ obeso”. Il manuale sara’ anche scaricabile gratuitamente dal sito aniad.org.