Gentiloni a colloquio con l’astronauta Paolo Nespoli: tra i temi affrontati il futuro dei viaggi spaziali e la ricerca sulla ISS

"L'Italia è molto orgogliosa di questa missione e del ruolo di Nespoli", ha detto Gentiloni in apertura del collegamento

Copyright ESA

E’ orgoglioso, il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, della missione Vita, la missione nata dall’accordo tra la Nasa e l’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) e della quale è protagonista l’astronauta Paolo Nespoli. Lo ha detto il presidente Gentiloni, nel collegamento avvenuto ieri fra Palazzo Chigi e la Stazione Spaziale Internazionale organizzato da Asi e Agenzia Spaziale Europea (Esa).

L’Italia è molto orgogliosa di questa missione e del ruolo di Nespoli“, ha detto Gentiloni in apertura del collegamento, che è avvenuto – spiega l’Agenzia Spaziale Italiana – nella Sala del Mappamondo di Palazzo Chigi alla presenta del presidente dell’Asi Roberto Battiston, del direttore del Centro per la ricerca scientifica e tecnologica dell’Esa, Franco Ongaro, e del consigliere militare del presidente del Consiglio, generale Carmine Masiello.

La Stazione Spaziale Internazionale è un luogo “alla larga dalle tensioni geopolitiche, o queste arrivano anche lì?“, ha chiesto Gentiloni a Nespoli, che giunto alla sua terza missione dello spazio è ormai un veterano e ha appena festeggiato i primi 100 giorni della missione Vita, dell’Asi.

Quassù – ha detto l’astronauta – le nazioni hanno deciso di lasciare da parte le differenze e di unirle per ottenere qualcosa di valido e al di là di quello che le singole nazioni possono esprimere singolarmente. Questo – ha detto ancora l’astronauta – è il risultato più grande che ci abbia dato la Stazione Spaziale“. Un risultato che, ha osservato Gentiloni, costituisce “un valore importantissimo dell’avventura spaziale: il modello della Stazione Spaziale – ha rilevato – potrebbe essere di aiuto per tutti noi“.

La più grande casa-laboratorio mai costruita in orbita è anche, come l’ha definita Gentiloni, “un interessante mix fra altissimo lavoro scientifico e lavoro domestico“, dove la ricerca è ricca di ricadute scientifiche rilevati per i cittadini comuni. Difficile, per nespoli, elencarle tutte: “Sono davvero moltissime, dai vaccini ai lubrificanti. Siamo qui – ha detto l’astronauta – per lavorare fuori dalla Terra ma per la Terra“. E’, ha aggiunto Nespoli, “un avamposto di esseri umani proiettati all’esterno, un ambiente totalmente artificiale” e nel quale “tra noi e il vuoto ci sono tre millimetri di alluminio“, ha detto riferendosi alle pareti dei moduli che costituiscono la stazione orbitale, molti dei quali sono stati costruiti in Italia: “è il nostro contributo alla storia dell’umanità per andare oltre“.

A proposito di nuove frontiere, Gentiloni è incuriosito dal turismo spaziale “Un signore della mia età – ha chiesto – tra qualche anno potrà andare nello spazio come turista?“.
Per Nespoli “è un viaggio che vale la pena affrontare per provare l’assenza di gravità, per sentirsi leggeri come l’Uomo Ragno e spostare con facilità oggetti pesantissimi, come farebbe Superman. Ma soprattutto vale la pena per vedere la Terra da lontano, come se fosse un’opera d’arte“.