Maltempo Toscana: ancora 3500 utenze senza energia elettrica, “rischio ‘tilt’ per la campagna”

Prima la siccita', poi la neve e il brusco calo delle temperature rischiano di mandare definitivamente in tilt la campagna toscana

Prima la siccita’, poi la neve e il brusco calo delle temperature rischiano di mandare definitivamente in tilt la campagna toscana. Lo dice Tulio Marcelli, presidente della Coldiretti regionale, ricordando che l’agricoltura e’ l’unico settore a far registrare, secondo l’Istat, “un calo congiunturale del valore aggiunto a causa del clima impazzito che ha avuto effetti devastanti nelle campagne”.

Tutte le principali produzioni sono con il segno meno: “dal crollo del 23% della produzione di mele, all’addio ad una bottiglia di vino su quattro, anche se la qualita’ e’ risultata buona, per non parlare dell’olio che quest’anno segna un -50%”, aggiunge. Non solo. In una nota di Coldiretti si sottolinea come “per pulire le strade e garantire la viabilita’, vengono impiegati sempre piu’ molti agricoltori che utilizzano i trattori come spalaneve e spandiconcime adattati per la distribuzione del sale contro il gelo”, grazie alla convenzione con i Comuni.

“In Toscana si stima un parco macchine di circa 60.000 trattori dei quali almeno 3.000 nelle aree della montagna piu’ facilmente soggette alla neve e alle temperature rigide. I trattori-spazzaneve che le amministrazioni comunali, enti ed aziende possono utilizzare, grazie alla legge di orientamento (un decreto legislativo del 2001 fortemente voluto da Coldiretti, fondamentale per la multifunzionalita’ dell’impresa agricola e per l’origine in etichetta dei prodotti agroalimentari) – conclude De Concilio – costituiscono spesso l’unica risorsa per lo svolgimento di attivita’ funzionali alla sistemazione e manutenzione del territorio”.

Sono scese sotto 3.500, in tutta la Toscana, le utenze ancora senza luce dopo l’ondata di maltempo, e in particolare neve e vento, che ieri ha colpito la regione. Circa 2.500 quelle ancora da riattivare in alto Mugello, in provincia di Firenze (1.700 a Fiorenzuola, 500 a Palazzuolo sul Senio, 200 a Marradi).

Altri 500 quelli nella montagna pistoiese, a Sambuca, mentre poche decine di famiglie ancora non hanno energia elettrica sulle colline pratesi, e in Casentino dove e’ stata invece sistemata la situazione a Badia a Prataglia. In molte localita’, fa sapere Enel, in attesa di poter ripristinare le linee abbattute dagli alberi e dai rami caduti per il vento e fuori dalla sua competenza, E-distribuzione sta portando dei gruppi elettrogeni.

In altri i problemi derivano dalla difficile viabilita’ di cui si sta occupando la Protezione civile. A Vernio (Prato) oltre che grazie ai gruppi elettrogeni situazione quasi alla normalita’ anche per un allacciamento temporaneo con le linee dell’Emilia Romagna. La Sala di Protezione civile della Citta’ Metropolitana di Firenze segnala che nella mattinata non si sono registrate nevicate sui rilievi anche se la situazione, spiega Angelo Bassi, consigliere della Citta’ Metropolitana delegato alla Protezione civile e’ ancora “pericolosa” e per questo il consiglio e’ di mettersi in viaggio solo se strettamente necessario e con le dotazioni invernali.