Maltempo, allarme frane sul Vesuvio: “dopo gli incendi il vulcano si sta sgretolando, sicurezza a rischio”

"Il dissesto idrogeologico che interessa il Vesuvio va, via via, appalesandosi in maniera sempre piu' grave: il governo deve intervenire"

Gli incendi sul Vesuvio - Foto di Eliano Imperato

“È da oltre un anno che lo ripeto e non mi stanchero’ di farlo ora che il dissesto idrogeologico, va, via via, appalesandosi in maniera sempre piu’ grave: il governo deve intervenire mettendo in campo azioni concrete per la salvaguardia del territorio vesuviano. Se a livello locale gli amministratori (Comuni, Citta’ Metropolitana, Regione) non sono in grado di porre un argine al disastro, lo si faccia a livello nazionale, concedendo loro gli strumenti giusti per intervenire oppure, se occorre, dichiarando lo stato di emergenza”. Cosi’ in una nota, il senatore di Ala-SC (Alleanza LiberalPopolare-Autonomie Scelta Civica) Pietro Langella, vicepresidente della commissione Bilancio.

“Quello cui assistiamo quotidianamente – spiega il parlamentare – sembra un bollettino di guerra. Dopo i roghi di fine luglio che hanno distrutto 2mila ettari di vegetazione, i fianchi del Vesuvio, rimasti senza la protezione di alberi e radici, si stanno sgretolando come un castello di carte sotto il peso delle piogge scroscianti di questi giorni”.

Apprendo dagli organi di stampa che tre grandi frane – rivela ancora il senatore – di cui una definita ‘mostruosa’ dal geologo Vittorio Emanuele Iervolino, starebbero staccandosi dall’area del cratere minacciando direttamente Torre del Greco e Ottaviano. Strada Matrone, l’antica via delle catene, lo storico ‘varco di accesso’ al vulcano dal versante di Trecase-Boscotrecase, e’ stata spezzata in due mentre la sottostante via Cifelli e’ rimasta impraticabile per ore a causa dei fiumi di terriccio e fango misti a cenere, scesi a valle”. “Occorre fare qualcosa – conclude Langella – e bisogna farla subito mobilitando tutte le forze necessarie per impedire che la situazione precipiti”.