Spazio, concorso ESA: un razzo di design per CHEOPS

L'ESA offre un’opportunità unica per portare nello spazio le loro opere, che verranno esposte sul razzo che trasporterà il satellite Cheops

Copyright ESA

Artisti e grafici di tutto il mondo potranno prendere parte ad un progetto davvero ‘spaziale’: ‘decorare’ la parte esterna del razzo Soyuz che trasporterà CHEOPS, il primo satellite completamente dedicato alla caratterizzazione dei pianeti extrasolari pronto per il lancio entro la fine del 2018.

Costruito dall’Agenzia Spaziale Europea e dalla Svizzera con il fondamentale contributo italiano attraverso l’Agenzia Spaziale Italiana e l’apporto scientifico dell’INAF e dell’Università di Padova, CHEOPS (CHaracterizing ExOplanet Satellite), è la prima delle missioni di classe S (Small) del programma “Cosmic Vision 2015-2025” dell’ESA, destinata a misurare con precisione le caratteristiche fisiche ancora sconosciute di pianeti in sistemi planetari diversi dal Sistema Solare. Punterà stelle già note per ospitare pianeti, misurando ad altissima precisione la variazione di luminosità stellare prodotta quando il pianeta si trova a transitare davanti alla stella riuscendo quindi a misurarne la dimensione ed altre caratteristiche con alta precisione.

Il concorso – spiega l’Agenzia Spaziale Italiana – è un’occasione unica per tutti gli artisti, studenti di graphic art e design e progettisti di entrare a far parte della storia dell’ESA. Il vincitore vedrà esposta la sua opera fin dai preparativi di lancio, su fotografie e filmati nello spazioporto di Kourou, in Guiana Francese e sarà invitato a partecipare all’evento ufficiale del lancio di CHEOPS come ospite dell’Esa. I progetti che arriveranno in finale saranno esposti durante l’evento, che sarà trasmesso in diretta streaming.

La domanda di partecipazione potrà essere presentata entro il 31 gennaio 2018 alle 18:00 (ora italiana).

Qui il regolamento completo