Spazio, Nespoli a Gentiloni: “Ringrazio l’Italia per partecipare a questi progetti estremamente importanti”

"E' un piacere averla qui sulla Stazione Spaziale signor Presidente". Paolo Nespoli, astronauta italiano dell'Esa, ha 'accolto' così il premier Paolo Gentiloni

Stephane Corvaja

“E’ un piacere averla qui sulla Stazione Spaziale signor Presidente”. Paolo Nespoli, astronauta italiano dell’Esa, ha ‘accolto’ così il premier Paolo Gentiloni che si è collegato dalla Sala dei Mappamondi di Palazzo Chigi, via Houston, con la Iss, insieme al presidente dell’Asi, Roberto Battiston, al generale Carmine Masiello, attuale Consigliere militare del Presidente del Consiglio italiano, e all’ingegnere Franco Ongaro dell’Esa. La Stazione, ha detto Nespoli rispondendo alla curiosità del Presidente del Consiglio su come si svolge la vita degli astronauti in orbita, “è un ambiente fuori dal mondo, è un avamposto fuori dal mondo. Siamo esseri umani in un ambiente completamente staccato dalla Terra”. “Qui si perde il senso del tempo” ha chiarito Nespoli, in orbita per la missione “Vita” dell’Agenzia Spaziale Italiana.

“L’Italia è molto orgogliosa della missione e del ruolo di Nespoli”. Lo ha detto Paolo Gentiloni, che oggi si è collegato con l’astronauta Paolo Nespoli, in orbita con la Stazione spaziale internazionale. “Sulla stazione abbiamo messo da parte le differenze, per un risultato più grande di ogni singola nazione -ha spiegato Nespoli a Gentiloni-. Questo è il risultato più grosso della Stazione internazionale: quando vogliamo possiamo lavorare per qualcosa che ci porta al di sopra di tutti”.

Il premier ha sottolineato questo aspetto: “Questo è il valore importante della ricerca e della avventura spaziale. Del resto, la distanza da cui voi vedete la Terra rende evidente il fatto che noi facciamo parte dell’umanità e il metodo della Stazione spaziale potrebbe essere di aiuto a tutti noi da molto punti di vista”.

“Ringrazio l’Italia per continuare a partecipare a questi progetti estremamente complessi ma estremamente importanti”. Ha spiegano l’astronauta italiano dell’Esa, Paolo Nespoli, sottolineando al premier Paolo Gentiloni l’importanza del ruolo che gioca l’Italia nelle missioni spaziali e nella gestione della Stazione Spaziale Internazionale, laboratorio e primo avamposto umano nello spazio. Parlando con il premier Gentiloni, in collegamento con la Iss dalla Sala dei Mappamondi di Palazzo Chigi, Nespoli ha quindi scandito: “Tutti assieme potremo fare ancora di più”.