SuperCat Show, arrivano i gatti al guinzaglio: “Chi ha detto che devono stare chiusi a casa?”

Ma chi l'ha detto che i mici debbano restare chiusi in casa? Alla 18esima edizione di SuperCat Show a Roma tra campioni e gatti di strada, spunta il guinzaglio

Ma chi l’ha detto che i mici debbano restare chiusi in casa? Alla 18esima edizione di SuperCat Show a Roma tra campioni e gatti di strada, spunta il guinzaglio. E’ stata la novità della “due-giorni”, come i gatti di strada Tigre e Omar, entrambi intervenuti all’evento con pettorina e guinzaglio per partecipare al Premio “Gatto di Strada”, ovviamente. La stessa Anna Falchi, madrina dei gatti in cerca di adozione, ha portato al guinzaglio il gatto Omar.

Tra i multipremiati gatti campioni di bellezza, – raccontano – c’erano anche mici meno fortunati, trovatelli, ma in due giorni 20 gatti senza casa dell’area adozioni dell’Arca onlus sono stati adottati, tra i quali Lucky, gatto nero mascotte dell’evento, trovato ferito e disperato mentre vegliava il corpicino del fratellino senza vita, dopo essere stati investiti da un’auto, Akhenaton vittima di una prima adozione errata, e le tre giovani gattine Mimosa, Sakura e Ilia chiuse in un sacchetto di plastica e buttate in un cassonetto in zona Appia di Roma. Proprio l’Arca onlus ha vinto il premio speciale di “Scatto al Gatto” (tanti croccantini per i mici sfortunati) grazie a una foto che ritrae un loro micio di nome Thai con la Piramide Cestia sullo sfondo.

Tra i gatti di razza, la persiana Cristina B ha vinto il Bob (Best of Best) cuccioli, Colpo di Fulmine è la blu di Russia arrivata seconda al Bob cuccioli, Brittany della Dinastia Romana è la British shorthair di 15 mesi che ha vinto il Bob adulti. La manifestazione ha visto l’ultima e illustre partecipazione di Clabacoon Toro Seduto, splendido maine coon maschio di Claudio Barletta, di Fiumicino, che conclude la sua carriera da Campione al SuperCat Show 2017. A lui lo slogan dell’evento”Perché io so’ io e voi non siete un gatto!” calza a pennello: Toro Seduto, che pesa circa 10 chili, ha cinque anni e mezzo e il manto color red tabby (rosso tigrato con bianco).

Toro seduto ha iniziato proprio col SuperCat Show del 2012 che aveva circa tre mesi di età, e finisce con questa edizione del Supercat Show 2017 la sua carriera di campione, perché, come spiega il suo proprietario Claudio Barletta, “ha vinto tutti i premi possibili immaginabili che esistono al mondo, sia come gatto intero prima, sia come gatto neutro poi. È un felino molto buono e socializzato, si fa accarezzare molto volentieri, per questo ci chiamano da più parti anche per presentare la sua razza, il maine coon, è un gatto che si presta molto”.

Al SuperCat Show anche un secondo splendido Campione del Mondo, l’abissino Alina (femmina adulta). In gara anche “Bamboccione Code di Zucchero”, splendido sacro di Birmania di Stefania Mattelloni che racconta: “È il maschio più grosso e più fifone dei Sacri di Birmania, pesa quasi sette chili ed è proprio un bamboccione. L’ho chiamato così dal suo modo di essere, doveva restare in casa, poi è diventato talmente bello che l’ho portato all’Expo. È un principino, ama solo le comodità, segue un’alimentazione fantastica, la dieta barf (carne cruda) e manifesta il suo essere ‘gatto macho’ solo quando mangia le quaglie surgelate, che adora, poi torna ‘in letargo’. È talmente svogliato che è diventato papà suo malgrado, dopo otto mesi di corteggiamento e strusci continui di una mia gatta”.

“Quest’anno è stata un’edizione record, ogni volta ci superiamo con gatti davvero meravigliosi e supercampioni”, commenta soddisfatto l’organizzatore del SuperCat Show Gianluca Guarino, e “siamo felici di portare così tanta positività anche ai mici meno fortunati. Presenteremo grandi novità già da marzo 2018, a Roma e non solo”. I numeri parlano: 100mila visitatori negli ultimi tre anni, 11mila metri quadri di villaggio, 800 gatti da tutto il mondo che quest’anno si sono esibiti su due mega-palchi, uno per i giudizi – e in giuria 8 tra i più importanti giudici internazionali dell’Associazione nazionale felina italiana – e uno per i “Best in Show”, le sfilate di bellezza.