Cancro: ecco le principali sostanze chimiche che possono causarlo

Ecco 20 sostanze chimiche che nei test di laboratorio su animali hanno dimostrato abbastanza chiaramente di causare il cancro

Quando il Cancer Panel del Presidente ha pubblicato la sua relazione affermando che i prodotti chimici ambientali sono stati una causa “grossolanamente sottovalutata” dei tumori negli Stati Uniti, l’American Cancer Society (ACS) ha risposto dicendo che la relazione ha messo troppo peso sulle cause ambientali e non abbastanza enfasi sui noti fattori che aumentano i rischi di cancro, come il fumo di tabacco e l’obesità.

Sperando di portare un po’ di chiarezza relativamente al campo delle sostanze chimiche che possono causare tumori, l’ACS, tre agenzie governative e l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro hanno pubblicato un elenco di 20 prodotti chimici finora non ufficialmente legati al cancro, ma il cui uso è ancora largamente diffuso e che potrebbero favorirne tale patologia.

Dopo aver esaminato la ricerca esistente, gli autori hanno scelto 20 sostanze chimiche che nei test di laboratorio su animali hanno dimostrato abbastanza chiaramente di causare il cancro e che manifestano una forte probabilità che potrebbero anche causarlo negli esseri umani, come ha spiegato Ward.

“Quello che stavamo cercando erano le sostanze chimiche per le quali c’era la mancanza di dati definitivi che dimostravano che esse causassero il cancro negli esseri umani, nonché la prova che un’esposizione umana eccessiva ne aumentasse i rischi”, ha detto.

La maggior parte delle sostanze chimiche presenti nella loro lista sono prodotti chimici industriali, ad esempio carbon black (una sostanza utilizzata per la fabbricazione di gomma sintetica) e fumi di saldatura, ma altri sono molto più comuni e possono presentarsi in tutto, dalla nostra protezione solare al nostro approvvigionamento idrico:

• Atrazina: un pesticida ampiamente usato sul mais, così pericoloso da essere vietato in Svizzera, paese di origine dell’azienda che lo produce.

• Cloroformo: un sottoprodotto disinfettante dell’acqua che può terminare nell’acqua del rubinetto

• Scarico del motore diesel

Dietilhexil ftalato (DEHP): una sostanza chimica utilizzata per mantenere le materie plastiche viniliche, come la tenda doccia, morbida e flessibile

Formaldeide: già un cancerogeno umano noto che provoca faringe e cancri nasali, questa sostanza chimica (utilizzata in centinaia di prodotti da costruzione) è stata aggiunta alla lista a causa dei sospetti che potrebbe causare la leucemia

Composti di piombo 

Bifenili policlorurati (PCB): vietati dagli anni Ottanta, questi ritardanti industriali di fiamma ancora sono presenti nell’alimentazione

• Stirene: usato per realizzare tazze di caffè in polistirolo e contenitori per aspirazione

• Percloroetilene: il solvente utilizzato per la pulitura a secco

• Biossido di titanio: utilizzato come colorante nelle vernici, ma anche come ingrediente nelle creme solari; i ricercatori sono stati particolarmente preoccupati per le nanoparticelle di biossido di titanio, che sono già sospettate di causare danni al cervello

Lo studio di Ward ha lo scopo di aiutare i ricercatori a individuare le priorità per la ricerca sul cancro sul lavoro, ha detto, perché “la nostra comprensione di ciò che causa il cancro nella popolazione generale è venuto in gran parte a causa di studi sulle esposizioni professionali”.

Ma, ha aggiunto, può richiedere da 10 a 30 anni dal momento in cui una sostanza chimica viene introdotta al momento che gli scienziati hanno un’adeguata prova che provoca il cancro negli esseri umani, per cui è importante adottare il principio di precauzione e proteggersi adesso.