Ecco come saranno gli smartphone del 2018

Dato il suo “ecosistema” più aperto, è più facile prevedere quello che avverrà all’interno del mondo Android. Meno chiaro è ciò che farà la Apple quando migliorerà l’iPhone nella seconda metà dell’anno

iPhone X

Non bisogna aspettare il 2018 per sapere come saranno veramente gli smartphone del prossimo anno. Poiché i microprocessori che alimentano questi telefoni sono già stati progettati, sappiamo già che i display ad alta definizione, le funzionalità di realtà aumentata e il supporto per reti più veloci saranno le caratteristiche chiave dei prossimi modelli. Il prossimo anno vedrà anche una maggiore competizione da parte dei marchi cinesi e progressi nelle tecnologie a riconoscimento facciale.

Christiano Amon, vice presidente di Qualcomm – una società statunitense di ricerca e sviluppo nel campo delle telecomunicazioni senza fili – dice che bisogna aspettarsi più cellulari con display a risoluzione 4K poiché molti più video sono realizzati in formato mobile e più fornitori di rete hanno la larghezza di banda per supportarla. A tal proposito, un’importante caratteristica sarà il sostegno della gigabit LTE, una versione più veloce delle reti 4G attuali e un passo verso la realizzazione della nuova versione di reti cellulari, conosciuta come 5G. Sono già molti dispositivi sul mercato, ma il 5G diventerà la corrente principale per tutti i migliori cellulari in uscita il prossimo anno.

Per quanto riguarda fotocamere e sensori, Qualcomm ha già dichiarato che il suo esclusivo microprocessore presenterà una sicurezza migliorata e supporto per due caratteristiche trovate sugli ultimi iPhone – una fotocamera con modalità ritratto e l’uso del riconoscimento facciale per sbloccare il dispositivo. Un miglior riconoscimento facciale è una facile conseguenza per le aziende che vogliono installare sensori migliorati nelle fotocamere frontali per supportare la realtà aumentata.  A tal proposito, Google sta cercando di aggiungere il supporto alla realtà aumentata per più telefoni Android. Attualmente ARCore, il rivale dell’ARKit della Apple, è supportato solo su Pixel 2 e su un paio dei modelli Samsung più diffusi.

Possiamo anche aspettarci più marchi nella mischia, soprattutto alcuni marchi cinesi che sono diventati apprezzati fuori dagli Stati Uniti. Gli attori cinesi, come Huawei e Xiaomi, avranno la possibilità di esercitare una grande pressione nel mercato statunitense. L’intelligenza artificiale si farà strada anche all’interno del funzionamento degli smartphone. E i consumatori ne avranno prova attraverso app più personalizzate e con migliori prestazioni.

Dato il suo “ecosistema” più aperto, è più facile prevedere quello che avverrà all’interno del mondo Android. Meno chiaro è ciò che farà la Apple quando migliorerà l’iPhone nella seconda metà dell’anno. Detto questo, possiamo tranquillamente aspettarci che la Apple punterà molto sulle caratteristiche dell’iPhone X, come il riconoscimento facciale e, avendo già dichiarato che la realtà aumentata è un grande affare, possiamo aspettarci progressi anche su questo fronte.