Ricerca: scoperta la rete genetica che regola la durata del sonno

Diversi circuiti cerebrali regolano il sonno, controllati a loro volta da gruppi diversi di geni

I ricercatori statunitensi dei National Institutes of Health, l’agenzia federale per la ricerca biomedica e la salute pubblica, guidati da Susan Tracy Harbison, hanno rilevato il motivo per cui ad alcune persone basta dormire poche ore al giorno mentre sentono la necessità di riposare più a lungo: si tratta di diversi circuiti cerebrali che regolano il sonno, controllati a loro volta da gruppi diversi di geni, identificati per la prima volta nei moscerini della frutta. La ricerca, pubblicata sulla rivista PLOS Genetics, ha studiato 13 diverse generazioni di questi insetti: dal confronto delle sequenze di Dna sono state identificate 126 mutazioni in un gruppo di 80 geni, tutti associati alla durata del sonno. E’ proprio questa rete genetica che regola lo sviluppo cerebrale o processi come la memoria e l’apprendimento.