Archeologia: i gioielli della preistoria ritrovano lo splendore perduto

"Lo studio potrà aiutare gli studenti e i visitatori dei musei a immaginare come apparivano i gioielli di metallo migliaia di anni fa"

I gioielli in rame della necropoli di Varna, in Bulgaria, ritenuta uno dei più importanti siti archeologici della preistoria, risplendono nuovamente grazie ad una tecnica che è riuscita a cancellare la patina risalente a 4mila anni fa.

I ricercatori dell’Università di Belgrado e dell’Università di Cambridge, coordinati da Miljana Radivojevic, hanno realizzato in laboratorio 64 campioni di leghe metalliche da usare come modelli: “Data l’importanza dell’estetica nella metallurgia antica abbiamo cercato di replicare sperimentalmente le piu’ comuni leghe preistoriche, fatte da una combinazione di rame, arsenico e stagno,” spiega l’esperta. “Lo studio potrà aiutare gli studenti e i visitatori dei musei a immaginare come apparivano i gioielli di metallo migliaia di anni fa“.