Pokémon Go migliora la componente di realtà aumentata del gioco

Il CEO di Niantic John Hanke ha dichiarato che la realtà aumentata giocherà un grosso ruolo nel futuro della compagnia, includendo l’imminente arrivo del gioco di Harry Potter

pokémon go

I creatori di Pokémon Go sono quasi pronti ad accendere una migliorata versione della componente di realtà aumentata del gioco, ricorrendo agli strumenti ARKit che Apple ha rilasciato con iOS 11. Gli appassionati hanno già individuato il codice nell’ultimo aggiornamento del gioco e aspettano il debutto della nuova caratteristica AR+ nei prossimi giorni.

Questo dà anche un temporaneo vantaggio ad Apple su Android, dal momento che Niantic, la società di sviluppo software statunitense che ha creato Pokémon Go, non ha ancora annunciato piani simili per l’ARCore di Google. Per Niantic, migliorare l’esperienza a realtà aumentata potrebbe riprendere gli utenti che non usano più il gioco e incoraggiare quelli attuali ad utilizzare la caratteristica della realtà aumentata. Molti utenti tenaci, infatti, continuano a tenerla spenta per rendere l’esperienza di gioco più facile e preservare la batteria.

Nel nuovo schema, le creature sono fissate in una posizione, diventando più grandi quando l’utente si avvicina a loro e permettendo alle persone di vedere la creatura da molteplici angolazioni. Le creature possono ora fuggire se vengono avvicinate troppo velocemente. I giocatori che usano la nuova caratteristica di realtà aumentata, che richiede il più recente iPhone o iPad con iOS 11, possono ottenere bonus per catturare le creature nella nuova modalità a realtà aumentata.

Il CEO di Niantic John Hanke ha dichiarato che la realtà aumentata giocherà un grosso ruolo nel futuro della compagnia, includendo l’imminente arrivo del gioco di Harry Potter. Il dirigente Apple Greg Joswiak non ha parlato del futuro hardware, ma ha promesso che la compagnia ha un lungo e robusto piano d’azione per la realtà aumentata. Ha dichiarato: “Non è uno stratagemma. Crediamo che sia davvero un grande affare”.