Categorie: ARTICOLI HOMEEDITORIALIGEO-VULCANOLOGIANEWS

Il 2017 anno di terremoti, 44455 in totale: cosa ci aspetta per il 2018? La parola all’esperto INGV

Felice anno nuovo! Il 2018 è finalmente giunto e con esso tanta speranza per un anno sereno e possibilmente privo di catastrofi naturali. Gli ultimi due anni sono stati davvero molto pesanti dal punto di vista dei terremoti e delle catastrofi. Lo spiega l’esperto INGV Alessandro Amato, attraverso un suo post su Facebook.

“Un anno di terremoti in Italia. – scrive Amato – Ne sono stati localizzati 44455 in totale (di cui circa 37000 appartengono alla sequenza in Italia centrale). Tra questi 44455 ne abbiamo avuti:

5 di magnitudo ?5 (uno di questi in Albania)
26 di magnitudo ?4 (qualcuno fuori dai confini)
396 di magnitudo ?3 (come sopra, ma percentualmente molti meno)
4626 di magnitudo ?2
(v. mappa con i 4626 epicentri dei terremoti di M?2 – come si vede sono compresi alcuni eventi nei mari e nelle terre circostanti).

Cosa è successo di rilevante nel 2017? Senza pretesa di esaustività, – chiarisce – alcuni avvenimenti a mio avviso importanti.
1) Sequenza in Italia centrale. La sequenza è andata scemando, più o meno seguendo le aspettative. C’era stata la ripresa importante a gennaio (4 eventi di M?5 in poche ore il 18), che aveva fatto segnare l’attivazione di una nuova faglia più a sud (Campotosto) e conseguente timore di altri eventi più forti (che finora non sono avvenuti).
2) Ischia. Ci sono stati altri morti per un terremoto, dopo i quasi 300 del 2016. Due persone hanno perso la vita per un evento di magnitudo intorno a 4! Vero che l’ipocentro era molto superficiale, ma un evento di così piccola magnitudo non dovrebbe provocare crolli e vittime, senza se e senza ma.
3) Sequenze e paure. Ci sono state numerose sequenze o sciami in varie zone d’Italia, che hanno fatto preoccupare gli abitanti. Sarà servita questa preoccupazione a mettere in atto misure di riduzione del rischio, per esempio facendo controllare e magari adeguare o rinforzare le proprie abitazioni? Non credo molto, anzi temo che il più delle volte, passata la sequenza e quindi la paura, si sia rapidamente dimenticato il rischio (“anche stavolta l’abbiamo sfangata”). Spero però che almeno in qualche caso si sia fatto qualcosa di concreto, e che al prossimo terremoto qualcuno in più si sarà salvato.
4) SISMABONUS. A questo riguardo, un elemento nuovo e importante del 2017 è certamente il Sismabonus, introdotto nel febbraio scorso. Trattandosi di un beneficio a carattere volontario, temo che non molti si siano dati da fare al riguardo, per ragioni – comprensibili – di carattere economico e burocratico. Sono curioso di vedere qualche dato statistico su questo, a quasi un anno dall’entrata in vigore della legge. Peraltro non mi pare che si sia fatta un’adeguata pubblicità alla cosa, forse per timore che un eccessivo numero di richieste potesse far saltare il bilancio dello Stato (ma è solo un’ipotesi).
5) Tsunami. Aggiungo una novità a mio avviso importante del 2017. Dal 1° gennaio scorso è operativo il Centro Allerta Tsunami, che mi onoro di coordinare per l’INGV, insieme a un gruppo di ottimi ricercatori. A giugno 2017 è uscita la Direttiva del Presidente del Consiglio che istituisce il Sistema di Allertamento nazionale, coordinato dal Dipartimento della Protezione Civile e in collaborazione con l’ISPRA, che gestisce la Rete Mareografica Nazionale. Monitoriamo i forti terremoti del Mediterraneo che potrebbero generare degli tsunami pericolosi per le nostre coste. Un rischio remoto, ma non così tanto come si ritiene comunemente. Ne riparleremo.

Cosa si può augurare per il 2018? Purtroppo – spiega con la sua consueta onestà intellettuale – non un anno senza terremoti, per ovvie ragioni. I terremoti continueranno a esserci, molti piccoli e qualcuno più forte.
Ripensandoci però, mi sentirei di augurare non uno ma più anni con pochi terremoti forti, e nel frattempo un’azione decisa di mitigazione del rischio, attraverso la riduzione della vulnerabilità degli edifici. Questa azione passa per una maggiore consapevolezza e un maggiore impegno di tutti, da noi cittadini alla politica. Se saremo fortunati (qualche anno di “calma sismica”) e bravi (riduzione graduale della vulnerabilità), – conclude – al prossimo terremoto piangeremo meno lutti, meno danni, e potremo esserne orgogliosi.”

E su questo, dovremmo riflettere tutti: cittadini, professionisti e istituzioni.

Condividi
Pubblicato da
Antonella Petris
Tags: terremototerremoto centro italiaterremoto ischia

MeteoWeb
Giornale online di meteorologia e scienze del cielo e della terra

Reg. Tribunale RC, N° 12/2010
Socedit S.r.l.
P.IVA/CF 02901400800

PRIVACY