Befana: come appare nell’immaginario collettivo tra proverbi e leggende

La Befana, amata da grandi e piccini, viene rappresentata nell’immaginario collettivo con una specifica “tenuta”.Scopriamo quale, i proverbi e le leggende aventi la vecchina per protagonista

Nell’immaginario collettivo di grandi e piccini, la Befana appare con una lunga gonna scura e ampia, grembiule con tasche, scialle, fazzoletto o cappellaccio in testa, un paio di scarpe vecchie; il tutto vivacizzato da numerose toppe colorate, a cavallo di una scopa grazie alla quale vola sui tetti ed entra nelle case. Un po’ fata, un po’ maga, un po’ strega, generosa per alcuni, severa per altri, è un personaggio ambiguo cui, nel corso dei secoli, sono state collegate numerose leggende. Una tra le più note narra che i Re Magi, diretti a Betlemme per portare doni a Gesù Bambino, non riuscendo a trovare la strada, chiesero informazioni a una vecchia. Nonostante le loro insistenze affinchè li seguisse per far visita al piccolo, l’anziana donna non uscì di casa per accompagnarli. In seguito, pentitasi, dopo aver preparato un cesto di dolci, uscì di casa , mettendosi a cercarli ma invano. Fu così che si fermò ad ogni casa che trovava sul suo lungo camino, donando dolciumi ai bimbi che incontrava nella speranza che uno di essi fosse il piccolo Gesù Bambino.

Da allora la Befana girerebbe il mondo, facendo regali a tutti i bimbi per farsi perdonare. Tanti i proverbi aventi la vecchina come protagonista. In Toscana si dice: “Befania, tutte le feste manda via, e Santa Maria tutte le ravvia”; a Venezia: “La note de l’Epifania tutte le bestie parla”; in Emilia Romagna: “La note dla Pasqueta e’ scor e’ ciù e la zveta” (La notte dell’Epifania parliano il chiù e la civetta” e “Per la Pasqueta, Carnvèl a bacheta” (Per l’Epifania Carnevale a tutto spiano”, Celebri i proverbi: “L’Epifania tutte le feste si porta via”; “L’Epifania tutte le feste le porta via, poi arriva San Benedetto che ne riporta un bel sacchetto”, “Di Pasqua Epifania, il vento se ne va via”; “La notte di Befana nella stalla, parla l’asino, il bove e la cavalla”. Altrettanto famosa la filastrocca: “La Befana vien di notte/con le scarpe tutte rotte/ con le toppe alla sottana/ viva, viva la Befana”.