Meteo Web

Befana: ecco come realizzare una calza light ed economica

La Befana è alle porte e per coloro che hanno salutato il 2017 con il buon proposito di ritornare in forma, grazie alla calza light, non ci sono pericoli! I più incorruttibili potranno “accontentarsi” di frutta secca (noci e mandorle”), frutta fresca (mandarini), qualche quadratino di cioccolato fondente. Se poi la fantasia in cucina non vi manca, potrete realizzare del carbone commestibile in casa. Per prepararlo è sufficiente mettere in una pentola 200 gr di zucchero in 200 gr di acqua, cuocendo a fuoco dolce e portando alla temperatura di 140 gradi circa (se non avete il termometro regolatevi ad occhio). Togliete dal fuoco quando lo zucchero comincia a cambiare colore. Nel frattempo preparate una glassa con 1 cucchiaio di albume, 100 grammi di zucchero a velo, 3 gocce di succo di limone e un cucchiaio di alcol per dolci, mescolando con la frusta fino ad avere la classica consistenza della glassa.

Aggiungete 2 cucchiai di glassa d’albume scaldata a bagnomaria e qualche goccia di colorante alimentare nero al composto di zucchero, portate sul fuoco. Mettete questo composto in una scatola oleata con la chiusura ermetica e fatelo asciugare. Quando sarà asciutto spezzettatelo ed il carbone è pronto! In alternativa, potete riempire la calza con biscottini light preparati con 100 grammi di zucchero a velo, 150 grammi di farina e un pizzico di sale. Sbattete 2 albumi, aggiungete lo zucchero a velo, la farina, il sale e la scorza di limone grattugiato, lasciando in frigo l’impasto, rivestito con pellicola trasparente, per 30 minuti. Stendetelo e realizzate biscotti con stampini a forma di calza, ad esempio, collocandoli su carta da forno, infornandoli a 180° (preriscaldato) per 10 minuti. Ottime e gustose le gelatine di frutta. Per prepararle portate ad ebollizione, in un pentolino, 100 ml d’acqua, versandoci dentro 5 grammi di Agar Agar in polvere. Fate cuocere per 2 minuti a fuoco basso fino a completo scioglimento dell’Agar Agar.

Versate 200 grammi di zucchero di canna in 250 ml di succo d’arancia, mescolando fino a scioglierlo. Versate il tutto nel pentolino d’acqua, facendo bollire per altri 3 minuti. Foderate degli stampi alti 1 cm con carta da forno, versate il composto e lasciatelo raffreddare per un paio d’ore. Ritagliate dei quadratini di circa 1,5 cm di lato, spolverizzando con zucchero prima di mangiare. Le gelatine si possono fare con qualsiasi frutto. Per preparare barrette di riso soffiato, invece, in una padella antiaderente tosta 40 grammi di nocciole divise in due, aggiungendo 20 grammi di granella di nocciole. In una coppa mescolate 80 grammi di riso soffiato, 30 grammi di cioccolato in gocce o sminuzzato alle nocciole tostate. Sciogliete in un pentolino antiaderente 30 grammi di miele, 15 grammi di zucchero di canna e ½ cucchiaino di sale con 60 grammi di sciroppo di riso, aggiungendo il composto ottenuto agli altri ingredienti, sistemando lil tutto su un foglio di carta fa forno, dando la forma squadrata con l’aiuto di un cucchiaio bagnato. Infornate per 20 minuti a 150 gradi (preriscaldato), tagliate il composto in 8 barrette, decorandole con 100 grammi di cioccolato fondente a bagnomaria e un pizzico di farina di pistacchi.