Mistero Nasa: astronauta rimossa dalla missione sulla Stazione Spaziale 

La Nasa ha rimosso senza apparenti spiegazioni l'astronauta Usa Jeanette Epps dalla sua imminente missione sulla Stazione Spaziale Internazionale (Iss)

Jeanette Epps

Mistero in casa Nasa, che ha rimosso senza spiegazioni l’astronauta Usa Jeanette Epps dalla sua imminente missione sulla Stazione Spaziale Internazionale (Iss). Pochi mesi prima del lancio è stata sostituita con una collega. La Epps sarebbe stata la prima astronauta afroamericana assegnata all’equipaggio della Iss. La Nasa ha riferito che comunque ritornerà al centro spaziale di Houston per lavorare nell’Astronaut Office e che sarà tenuta in considerazione per future missioni.

La donna, in passato aveva lavorato per sette anni alla Cia, anche in Iraq, ed è stata rimpiazzata da Serena Auon-Chancellor, la prima astronauta della Nasa di origine cubana. Ingegnere elettrico e specializzata in Medicina aerospaziale, Serena Auon si e’ addestrata per nove mesi in Russia, seguendo le operazioni mediche per l’equipaggio della Stazione Spaziale.

Altre volte è capitato che un astronauta sia stato rimosso da una missione, una delle volte più celebri è stata quella dell‘Apollo 13: a 5 giorni dal lancio, il 6 aprile 1970, l’astronauta dell’equipaggio di riserva Charles Duke si era ammalato di rosolia e Ken Mattingly era l’unico astronauta a essere immune; il 9 aprile, venne sostituito da John Swigert, che l’11 aprile parti’ con l’Apollo 11 insieme a James Lowell e Fred Haise.

Jeanette Epps
Jeanette Epps

Di solito tra le cause più comuni dei cambiamenti nella composizione di un equipaggio vi sono le ragioni di salute e su queste, la Nasa come l’intero corpo astronauta, mantengono da sempre la più stretta riservatezza. Altre passibili ragioni sono di tipo personale o familiare. La sostituzione di un astronauta puo’ anche essere dovuta a un cambiamento negli esperimenti previsti nella missione. Può accadere, per esempio, che per i motivi più diversi un esperimento venga rimosso e rinviato a una missione successiva. In casi come questi è probabile che, se uno degli astronauti ha ricevuto un addestramento particolare per seguire quel particolare esperimento, possa essere assegnato alla missione che in futuro poterà in orbita l’esperimento.

Tanti i messaggi che su Twitter in queste ore esprimono dispiacere per la sostituzione di Jeanette Epps. Sul profilo dell’astronauta l’ultimo tweet e’ del 15 gennaio. @Astro_Jeanette aveva retweetato la frase di Martin Luther King in occasione dell’anniversario della nascita: “Niente nel mondo e’ piu’ dannoso di un’ignoranza sincera e di una stupidita’ coscienziosa”.