Rinnovabili: dal 2010 il costo di generazione dell’eolico è -23%, del solare -73%

Dal 2010 il costo di generazione elettrica dall'eolico onshore e' sceso di circa il 23% e quello del solare fotovoltaico del 73%

Dal 2010 il costo di generazione elettrica dall’eolico onshore e’ sceso di circa il 23% e quello del solare fotovoltaico del 73%. E’ quanto emerge – si legge – dal rapporto ‘Renewable Power Generation Costs in 2017′ dell’Irena (International Renewable Energy Association) secondo cui i costi del solare dovrebbero scendere ulteriormente entro il 2020. In tal senso, i progetti eolici e solari piu’ avanzati potrebbero fornire elettricità, entro il 2019, a un prezzo pari o addirittura inferiore (nei due anni successivi) a 3 centesimi di dollaro per kwh. Un costo questo che sarebbe inferiore a quello con cui si produce oggi energia dalle fonti fossili (5-17 centesimi di dollaro per kWh).

Dai dati provenienti dai progetti e dalle aste, sempre entro il 2020, tutte le tecnologie per la produzione di energie rinnovabili attualmente commercializzate concorreranno, e persino batteranno sul prezzo, i combustibili fossili, con una produzione compresa tra i 3 e i 10 centesimi di dollaro/kWh. L’energia eolica e’ gia’ disponibile al prezzo di qualsiasi altra fonte: i costi medi ponderati globali negli ultimi 12 mesi ammontano a 6 centesimi di dollaro (-23% dal 2010) e l’energia eolica e’ oggi disponibile anche a 4 centesimi per kWh. Per il solare siamo invece nell’ordine di 10 cent.

Un calo percentuale ancora maggiore l’ha fatto registrare il fotovoltaico diminuito del 73% dal 2010 a un Lcoe (costo di produzione costante dell’energia sull’intera vita operativa dell’impianto) di 10 centesimi di dollaro/kWh, con una previsione di un’ulteriore riduzione entro il 2020. Abu Dhabi, Cile, Dubai, Messico, Peru’ e Arabia Saudita sono i Paesi che hanno registrato i costi piu’ bassi per la produzione di energia solare, pari a 3 centesimi/kWh. Il rapporto sottolinea inoltre che i nuovi progetti di bioenergia e geotermia commissionati nel 2017 hanno avuto un costo medio ponderato globale di circa 7 centesimi di dollaro/kWh.

Questa nuova dinamica segna un significativo cambiamento nel paradigma energetico”, ha dichiarato Adnan Z. Amin, direttore generale di Irena. “Il declino dei costi grazie alla tecnologia sono senza precedenti e dimostrano il grado con cui le rinnovabili stanno cambiando il sistema energetico globale”. Il rapporto sottolinea infine che i risultati delle aste segnalano che l’energia eolica, questa volta, offshore e i progetti solari a concentrazione nel periodo 2020-2022 costeranno nel range di 6-10 centesimi di dollaro per kWh. Per questo Irena prevede che tutte le tecnologie di energia rinnovabile competeranno con le fonti fossili in termini di prezzo entro il 2020.