Turismo: le donne che viaggiano sole per lavoro sono un mercato in...

Turismo: le donne che viaggiano sole per lavoro sono un mercato in crescita

Non solo le donne amano viaggiare da sole, ma il 76% non si fa scappare l’occasione di unire al viaggio business qualche momento di puro svago

Le donne che viaggiano sole per lavoro sono ormai un mercato sempre più ampio, un vero e proprio trend significativo nel settore del turismo: una ricerca ha infatti scoperto che al 72% delle donne piace viaggiare in solitaria, percentuale che scende al 27% quando gli intervistati sono uomini[1].

Una ricerca recente di Booking Business ha inoltre rivelato che non solo le donne amano viaggiare da sole, ma anche che il 76% non si fa scappare l’occasione di unire al viaggio business qualche momento di puro svago[2]. Per rispondere alle necessità di questo nuovo segmento di utenti in grande crescita, strumenti digitali e community online si stanno specializzando per arricchire sempre più l’esperienza di chi viaggia in solitaria.

Compagni di viaggio “crowd-sourced”

  • Siti di networking come Maiden Voyage aiutano a far incontrare e a mettere in contatto le donne in viaggio di lavoro, per sfruttare al meglio il soggiorno e vedere qualcosa di più che sale conferenze e camere d’hotel. Oltre al servizio di networking globale, il sito web offre una serie di utili risorse, come guide di viaggio delle città e suggerimenti su dove soggiornare, per aiutare le donne a esplorare nuove destinazioni in modo sicuro e in buona compagnia. Esistono anche app di networking per sole donne come Present, per incontrare altre viaggiatrici con interessi personali e professionali simili nelle vicinanze.

Per sentirsi sempre al sicuro durante il viaggio

  • Il report di quest’anno del GBTA Business Traveler Sentiment Index ha mostrato come le donne in viaggio per lavoro si sentano ancora poco sicure: il 63% degli uomini si sente sempre a proprio agio in viaggio, contro il 55% delle donne.[3] Per rispondere a questa problematica, hotel e compagnie aeree stanno cercando di puntare sempre di più sulla sicurezza delle loro offerte: ad esempio, la compagnia aerea indiana Vistara ha lanciato un nuovo servizio che evita di assegnare alle donne il posto centrale nella fila dei sedili, come parte di una serie di misure e accorgimenti per proteggere al meglio le donne in viaggio.

Strutture ricettive di cui fidarsi

  • com Business fornisce a chi viaggia per lavoro uno strumento di prenotazione in tempo reale, arricchito da recensioni lasciate da altri professionisti, che possono aiutare le viaggiatrici a identificare le strutture più sicure e approvate da altri utenti, con tutti i servizi e le caratteristiche necessarie per un soggiorno proficuo dal punto di vista professionale, piacevole e sicuro.

Le donne sono sempre più decise a sfruttare al massimo le nuove esperienze che i viaggi possono regalare, sia da un punto di vista personale che professionale. Con così tante soluzioni tecnologiche e risorse ora alla portata proprio di tutti, è davvero possibile approfittare al massimo della libertà e dell’indipendenza tipiche dei viaggi in solitaria.

[1] Ricerca condotta da Solitair Holidays

[2] Ricerca commissionata da Booking Business su un campione di 17.038 professionisti in viaggio a livello internazionale negli ultimi 12 mesi in 24 paesi, intervistato tramite un sondaggio online dal 3 al 18 agosto 2017

[3] GBTA Business Traveler Sentiment Index 2017

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...