Archeologia: la datazione al radiocarbonio svela una fossa comune in Inghilterra risalente all’epoca dei Vichinghi

Una stanza era piena di resti mescolati di almeno 264 persone, il 20% circa delle quali era donne, armi e manufatti vichinghi

ossa Vichinghi, Repton, Inghilterra
Cranio femminile della fosse comune di Repton, Inghilterra

Un team di archeologi, guidato da Cat Jarman del Dipartimento di Antropologia e Archeologia dell’Università di Bristol, ha scoperto che una fossa comune rinvenuta negli anni ’80 risale all’epoca dei Vichinghi e potrebbe essere stata il luogo di sepoltura della Grande Armata danese morta in guerra. Anche se inizialmente si pensava che i resti fossero associati ai Vichinghi, la datazione al radiocarbonio sembrava suggerire che la tomba contenesse ossa raccolte in diversi secoli. Ora una nuova ricerca scientifica mostra che non è così e che le ossa sono tutte coerenti con una data alla fine del IX secolo. La documentazione storica afferma che la Grande Armata danese svernò a Repton, nel Derbyshire, nell’873 d.C e condusse il Re marciano all’esilio.

Gli scavi condotti presso la Chiesa di St. Wystan a Repton negli anni ‘70 e ’80 hanno scoperto diverse tombe vichinghe e un ossario di circa 300 persone sotto un piccolo rialzo nel giardino della canonica. Sembra che il rialzo sia stato il monumento funebre collegato alla Grande Armata. Un edificio anglosassone, forse un mausoleo reale, è stato parzialmente distrutto, prima di essere trasformato in una camera funeraria.

Una stanza era piena di resti mescolati di almeno 264 persone, il 20% circa delle quali era donne. Tra le ossa vi erano armi e manufatti vichinghi, come un’ascia, diversi coltelli e 5 monete d’argento risalenti all’872-875 d.C. L’80% dei resti apparteneva ad uomini, soprattutto di età tra i 18 e i 45 anni, con diversi segni evidenti di ferite violente.

vichinghiÈ stata datata anche una doppia tomba del sito, che risale all’837-886 d.C. La tomba conteneva due uomini, il più anziano dei quali era stato sepolto con un ciondolo del martello di Thor, una spada vichinga e diversi altri manufatti. Aveva ricevuto numerose ferite mortali, incluso un grande taglio al femore sinistro. Curiosamente, era stata posta una zanna di cinghiale tra le sue gambe, che fa pensare che la ferita possa aver tagliato il pene o i testicoli e che la zanna fosse stata messa lì per sostituire ciò che egli aveva perso in preparazione all’aldilà. La nuova datazione ora mostra che queste tombe potrebbero essere dei componenti della Grande Armata danese.

È anche stato dimostrato che un’altra straordinaria tomba fuori dall’ossario a Repton è collegata ai Vichinghi. 4 giovani tra gli 8 e i 18 anni sono stati sepolti insieme in una singola tomba con una mascella di pecora ai loro piedi. Vicino a loro, grandi massi possono aver ospitato una lapide, con la tomba che è stata posizionata vicino all’entrata della fossa comune. Almeno due dei giovani avevano segni di ferite. Gli esperti suggeriscono che potrebbe trattarsi di uccisioni sacrificali per accompagnare i morti vichinghi. La nuova datazione al radiocarbonio fa risalire la tomba all’872-885 d.C.

Cat Jarman conclude: “La data dell’ossario di Repton è importante perché sappiamo molto poco dei primi incursori vichinghi che sarebbero poi diventati parte del notevole insediamento scandinavo d’Inghilterra. Questa datazione indica che è molto probabile che queste ossa fossero dei componenti dell’esercito vichingo. Mostra anche come le nuove tecniche possono essere usate per rivalutare e risolvere definitivamente misteri di molti secoli fa”.