Etichetta: obbligo dell’indicazione del paese d’origine anche per il riso

Obbligo del paese d'origine del riso in etichetta

obbligo etichetta origine riso

Da ieri, 12 Febbraio, diventa obbligatorio indicare sulle confezioni l’indicazione del paese d’origine del riso. Il decreto interministeriale firmato dai ministri delle Politiche Agricole e dello Sviluppo Economico, pubblicato in Gazzetta ufficiale il 16 agosto scorso, prevede l’indicazione di origine obbligatoria per la pasta/grano e per il riso che entra in vigore 180 giorni dopo. Per quest’ultimo l’etichetta dovrà riportare il “Paese di coltivazione del riso” quello di “lavorazione” e di “confezionamento”. Se le tre fasi avvengono nello stesso paese, ad esempio in Italia, è possibile utilizzare la dicitura “Origine del riso: Italia”.

Se invece, le tre fasi avvengono nel territorio di più paesi possono essere utilizzate, a seconda della provenienza, le seguenti diciture: “Origine del riso: Paesi UE”, “Paesi NON UE” e “Paesi UE E NON UE”. Tutto questo per far chiarezza sulle varietà impiegate nei sacchetti e sull’uso della dicitura “Classico” a garanzia del made in Italy.

Stessa cosa per la pasta, infatti sulle confezioni di pasta secca prodotte in Italia dovranno avere obbligatoriamente indicate in etichetta le seguenti diciture:

  • Paese di coltivazione del grano: nome del paese nel quale il grano viene coltivato;
  •  Paese di molitura: nome del paese in cui il grano è stato macinato.

Se queste fasi avvengono nel territorio di più paesi possono essere utilizzate, a seconda della provenienza, le seguenti diciture: Paesi UE, Paesi NON UE, Paesi UE E NON UE.
Se il grano duro è coltivato almeno per il 50% in un solo paese, come ad esempio l’Italia, si potrà usare la dicitura: “Italia e altri Paesi UE e/o non UE”.