Come evitare le intossicazioni causate dalla carne

Bisogna prestare attenzione alla carne prima di consumarla

carne cruda rischi

Per non correre rischi con la carne è bene adottare delle regole ben precise in modo da evitare qualsiasi infezione o intossicazione causate da batteri. Proprio poco tempo fa, una bimba di soli 9 anni di Padova, è morta a seguito di un’intossicazione da una potente tossina che provoca danni renali e cerebrali. L’infezione è stata causata da pneumococco che deriva dalla carne poco cotta, dal latte crudo, dai formaggi non pastorizzati, da vegetali e acqua contaminati da fertilizzanti o feci di animali e da norme poco igieniche nella preparazione degli alimenti. Secondo l’autorità europa della sicurezza alimentare il 33% delle malattie alimentari è causato da una scarsa igiene alimentare in cucina e dalla manipolazione errata dei cibi. E’ molto importante trattare la carne prestando molta attenzione e igiene.

Ecco alcuni importanti principi da seguire per ottenere un prodotto salubre, senza rischi per la salute.

  • Prestare attenzione alla carne macinata e cruda. La carne macinata (hamburger, tartare) e il corpaccio sono, soprattutto per i bambini, alimenti ad alto rischio. Sbagliatissimo utilizzare taglieri, ripiani di cucina, posate e piatti che andranno a contatto con l’alimento. Vanno lavati a lungo in acqua bollente con detersivo e asciugati bene.
  • Il pollo e i volatili. Questa carne non va mai lavata sotto l’acqua corrente perché il pericoloso campylobacter presente sulla pelle dei volatili si sparge rapidissimo ovunque. Inoltre, mai cuocere il pollo in microonde; la salmonella non teme il caldo, odia solo temperature molto elevate o sottozero.
  • Fate come i gauchos. La carne poco cotta è portatrice di batteri a rischio, e proprio per questo i gauchos argentini che allevano bovini allo stato brado, vivendo in condizioni di scarsa igiene, mangiano la carne molto cotta, mai macinata, niente avanzi, mai ricucinata.
  • In frigo subito. Se comprate la carne fresca, va subito in frigo poi una volta aperta va cotta e consumata preferibilmente tutta.
  • Carne cotta ad alto rischio. Anche la carne cotta può rappresentare un rischio per la salute, mai lasciarla a temperatura ambiente, infatti dai 4 ai 60 °C si formano ogni 20 minuti enormi cariche batteriche ad alto rischio. La carne cotta e congelata, per essere mangiata senza rischio deve essere subito portata ad alte temperature.
  • La scarsa igiene dei barbecue. I barbecue sono una delle cause maggiori dei problemi digestivi perché spesso la carne rimane sul tagliere a lungo, a temperatura ambiente, senza protezione. E spesso viene cucinata male e in modo non omogeneo. E’ importante assicurarsi che la carne raggiunga la temperatura interna in modo da evitare qualsiasi pericolo microbiologico. Mai toccare con le mani la carne e poi toccare piatti, bicchieri, strofinacci: vengono trasmesse grandi quantità di batteri.
  • Hamburger cotti. Gli hamburger e la carne macinata sono carichi di batteri, e per questo devono cuocersi a lungo, e soprattutto al centro arrivando al cuore. Due consigli, mai mangiarli crudi e gustateli ben caldi.