Categorie: AMBIENTEARTICOLI CENTROEDITORIALINEWSTECNOLOGIA

Ambiente & tecnologia: il letame per riscaldare le case e ridurre le emissioni di gas serra

Il letame potrebbe essere una fonte sostenibile di energia rinnovabile per aiutare a ridurre le emissioni di gas serra che causano il riscaldamento globale. I ricercatori dell’University of Waterloo stanno sviluppando una tecnologia per produrre gas naturale rinnovabile dal letame così che possa essere aggiunto al sistema di fornitura di energia per riscaldare le case e alimentare le industrie. Questo eliminerebbe i gas particolarmente nocivi rilasciati dal letame che si decompone naturalmente quando viene disseminato sui campi agricoli come fertilizzante e sostituirebbe parzialmente il gas naturale fossile, che contribuisce notevolmente al riscaldamento globale.

David Simakov, professore di ingegneria chimica presso l’University of Waterloo, ha dichiarato che la tecnologia potrebbe essere praticabile con diversi tipi di letame, soprattutto quello di mucca e suino, così come nelle discariche. Oltre ad essere usato nelle case e dalle industrie, il gas naturale rinnovabile potrebbe sostituire il gasolio per i camion nel settore dei trasporti, una delle principali fonti di emissioni di gas serra.

Per testare questo concetto, i ricercatori hanno costruito un modello informatico di una vera fattoria in Ontario che raccoglie il letame e lo converte in biogas. Parte di questo biogas è già usato per produrre elettricità bruciando nei generatori, riducendo così l’impatto ambientale del letame e fornendo circa il 30-40% del suo potenziale energetico.

Ora i ricercatori vogliono ottenere ulteriori benefici convertendo il biogas da letame in gas naturale rinnovabile. Questo richiede la sua miscelazione con l’idrogeno e poi, attraverso una reazione chimica in un convertitore catalitico, si produrrebbe metano dal diossido di carbonio nel biogas. Conosciuto come metanizzazione, il processo richiede elettricità per produrre idrogeno, ma questa energia potrebbe essere generata in loco attraverso sistemi solari o eolici. Il risultato sarebbe un gas naturale rinnovabile che produce quasi tutto il potenziale energetico del letame e che conserva elettricità in maniera efficiente, ma avendo solo una piccola parte dell’impatto dei gas serra del letame utilizzato come fertilizzante.

Simakov ha dichiarato: “Questo è il modo in cui possiamo passare dall’energia fossile a quella rinnovabile utilizzando infrastrutture esistenti, il che rappresenta un enorme vantaggio”.

Condividi
Pubblicato da
Beatrice Raso
Tags: energia rinnovabileriscaldamento globale

MeteoWeb
Giornale online di meteorologia e scienze del cielo e della terra

Reg. Tribunale RC, N° 12/2010
Socedit S.r.l.
P.IVA/CF 02901400800

PRIVACY