Allarme frane: ancora isolati tre paesi in Lombardia

I paesi turistici di Madesimo e Campodolcino (Sondrio) restano ancora isolati dal resto della Lombardia dopo la frana all'altezza del Santuario di Gallivaggio

I paesi turistici di Madesimo e Campodolcino (Sondrio) restano ancora isolati dal resto della Lombardia dopo la frana all’altezza del Santuario di Gallivaggio, in territorio comunale di San Giacomo Filippo.

Oggi c’e’ stata una breve finestra di apertura della statale 36 dello Spluga, fra le 19 e le 20.30, e poi e’ di nuovo scattata la chiusura e, al momento, sono isolate circa 1500 persone, compreso alcuni residenti nelle frazioni di Cimaganda e Lirone, in territorio comunale di San Giacomo Filippo. Non pochi i disagi per i residenti bloccati, mentre i turisti – tranne pochi irriducibili dello sci – non hanno potuto raggiungere le nevi della ski-area ancora aperta per l’ottimo innevamento.

Unica possibilita’ di raggiungere il fondovalle dai paesi o viceversa e’ una passerella pedonale realizzata con tempestivita’, che consente l’attraversamento del torrente Liro, con raccordo all’altezza di Lirone, con tempo di percorrenza a piedi di circa 30 minuti, o un volo con l’elicottero del costo di 35 euro a persona. Non solo. E’ stato, infatti, attivato nel pomeriggio un servizio-navetta con 2 pullman che hanno trasportato le persone che dovevano allontanarsi dai paesi dove erano bloccati, sino alla localita’ Castagneto.

Poi tutti i passeggeri hanno dovuto proseguire a piedi lungo il sentiero nei boschi. Per tutta la giornata di oggi sono proseguite, sotto la regia di Anas e il controllo degli incaricati dei Comuni interessati all’emergenza-frane, le operazioni di disgaggio dei massi pericolanti sul versante della montagna. Domani si proseguira’ con gli interventi di messa in sicurezza, per cercare di riaprire al piu’ presto l’importante via di collegamento stradale della valle Spluga.