Sanità: anche in Umbria la giornata contro la malaria 

Sono otto i casi di malaria registrati negli ultimi tre anni all'ospedale di Terni, 30 in quello di Perugia

Sono otto i casi di malaria registrati negli ultimi tre anni all’ospedale di Terni, 30 in quello di Perugia. Dati forniti dall’Azienda ospedaliera di Terni in vista del 25 aprile, giornata nella quale si celebra la giornata mondiale contro la malaria, la piu’ diffusa malattia tropicale che, con oltre 240 milioni di casi ogni anno, viene considerata ancora un enorme problema di sanita’ pubblica nel mondo, rappresentando la prima causa di malattia e di morte in molti Paesi tropicali e in particolare in Africa, e anche un “serio rischio” per chi viaggia nei paesi tropicali, senza eccezione per i viaggiatori umbri.

“Sebbene in Italia la malaria sia scomparsa da diversi decenni, intorno alla fine degli anni ’50 del ventesimo secolo, – spiega la professoressa Daniela Francisci, direttrice della clinica universitaria di Malattie Infettive dell’Azienda ospedaliera di Terni – si continuano ad osservare circa 600 casi ogni anno in persone che per motivi di lavoro o per turismo si recano in aree malariche e sviluppano la malattia dopo il loro ritorno a casa (malaria da importazione). E’ in aumento anche il numero di casi in soggetti immigrati che tornano nel loro paese d’origine dopo molti anni per visitare parenti o amici e si ammalano, avendo perduto nel tempo l’immunita’ transitoria. Solo negli ospedali di Perugia e Terni nel corso degli ultimi 3 anni sono stati osservati 38 casi di malaria (33 in soggetti adulti e cinque pediatrici) di cui 33 causati da Plasmodium falciparum, la forma piu’ diffusa e grave. Erano tutti soggetti che avevano soggiornato in aree malariche e si erano ammalati dopo il ritorno”.

La malaria – si ricorda in una nota dell’Azienda ospedaliera di Terni – e’ una pericolosa malattia infettiva causata da protozoi del genere Plasmodium che si trasmette all’uomo attraverso la puntura di zanzare del genere Anopheles. Gli insetti si infettano pungendo un soggetto malato e trasmettono poi l’infezione ad un altro individuo con una successiva puntura. In assenza del vettore (zanzara) la malattia non puo’ trasmettersi. La forma piu’ diffusa e grave e’ causata da Plasmodium falciparum.

I sintomi chiave della malaria sono episodi di febbre elevata preceduta da brivido e seguita da sudorazione profusa accompagnata da cefalea, nausea, vomito. E’ importante che un viaggiatore di ritorno da un viaggio in aree malariche, in caso di comparsa di febbre si rechi subito al pronto soccorso per essere valutato da uno specialista infettivologo e sottoposto ad esami diagnostici.

La malaria puo’ essere una malattia molto grave che necessita di un tempestivo trattamento con farmaci anti malarici e con eventuale terapia di supporto. Per proteggersi dalla malaria e’ importante innanzitutto rivolgersi all’ufficio vaccinazioni o medicina del viaggiatore della USL, per avere una consiglio sulla piu’ adeguata protezione farmacologica che dovra’ essere iniziata al momento della partenza e proseguita per tutta la durata del soggiorno. Una volta sul posto e’ fondamentale prendere tutte le misure di protezione contro le punture di zanzara in particolare all’imbrunire e di notte (zanzariere, vestiti coprenti, repellenti, insetticidi). Una adeguata protezione contro le punture puo’ ridurre fino al 90% il rischio di malaria.