Disinnesco ordigno bellico a Torino: proseguono le operazioni, rimossa la spoletta di coda

disinnesco esercito torino

Proseguono le operazioni di disinnesco dell’ordigno bellico rinvenuto nei giorni scorsi a Torino, in via Nizza, durante i lavori di scavo nei pressi di Eataly.
Gli artificieri del 32° Reggimento genio guastatori dell’Esercito stanno procedendo alla messa in sicurezza della bomba da 500 libre, che ha all’interno 130 chili di esplosivo.

Gli artificieri hanno rimosso la spoletta di coda, mentre quella “di naso”, quella davanti, non si è staccata. Ora, con lo Swordfish, una fresa a freddo che spara acqua e sabbia, procederanno al taglio. La parte posteriore dell’ordigno verrà trasportata al poligono militare di San Maurizio Canavese, dove verrà fatta esplodere. La parte anteriore verrà fatta deflagrare.

E’ attivo a Torino dalle prime ore di oggi il Coc (Centro Operativo Comunale), nella sede della Protezione Civile di via delle Magnolie 5: “Nella Sala operativa vengono monitorate in tempo reale tutte le operazioni di sgombero e di sicurezza attivate nella zona del Lingotto. Il Coc e’ formato da Protezione Civile, Vigili del Fuoco, Polizia di Stato, Carabinieri, Polizia Municipale, 118, Asl, Cri, Rfi, Gtt, Smat, Iren, Italgas, Telecom, Vodafone, Wind, autorita’ aereo portuali, volontariato e strutture di supporto comunali“.