Governo: Di Maio, ministri anche condannati ma guai se critichi Ue

A cura di AdnKronos

Roma, 28 mag. (AdnKronos) – “La situazione è molto grave, gravissima. Ieri si è sancito il concetto che può fare il ministro anche se sei un condannato, un indagato per mafia, per corruzione, uno che va a prostitute, ma guai se critichi l’Europa. Il voto degli italiani è stato totalmente svuotato dai suoi valori e questo non è accettabile”. Così Luigi Di Maio in un video su Fb in cui invita alla mobilitazione.

A cura di AdnKronos
  17:07 28.05.18
CONDIVIDI