Astrofisica: scoperta una nube di idrogeno ionizzato nella Galassia Vortice

Un nuovo studio ha rilevato vaste zone di idrogeno ionizzato nella cosiddetta Galassia Vortice. I risultati su Astrophysical Journal Letters

La galassia M51b
La galassia M51b

La sua spirale avvolgente ha ispirato i primi dibattiti scientifici sulla natura delle strutture del cosmo simili a lei: è M51, regina tra le galassie, famosa per la sua luminosità e la sua forma inconfondibile che le è valso il soprannome di Galassia Vortice. Scoperta nel 1773 dall’astronomo francese Charles Messier, questa galassia si trova nella costellazione boreale dei Cani da Caccia a 31 milioni di anni luce da noi. Vicino a lei si trova una compagna più piccola, M51b, parzialmente coperta da un braccio di polvere della galassia principale.

La coppia galattica – spiega Global Science – è monitorata da tempo, ma un fondamentale ‘ingrediente’ era rimasto fino ad oggi sconosciuto: si tratta di una massiccia nube di idrogeno ionizzato, individuata per la prima volta da un gruppo di ricerca della Case Western Reserve University. La scoperta, pubblicata su Astrophysical Journal Letters, getta una nuova luce sul meccanismo di ‘riciclo’ di materiale gassoso attorno alle galassie a spirale.

Conosciamo alcune nubi simili a questa in galassie distanti – commenta ChrisMihos, co-autore dell’articolo – ma prima d’ora non ne avevamo osservata nessuna così vicina a noi. Questo dà agli astronomi una grande opportunità di studiare da vicino come il gas viene sprigionato dalle galassie, e come i buchi neri possano influenzare le regioni di spazio circostanti.