Irlanda: la maggioranza a favore della liberalizzazione dell’aborto

La legge in vigore in Irlanda consente l'aborto soltanto in pochissimi casi, tra cui il rischio per la vita della madre

In corso lo spoglio dello storico referendum sull’aborto in Irlanda: secondo gli exit poll la maggioranza dei votanti si è espressa sulla liberalizzazione dell’interruzione di gravidanza abrogando una delle leggi più restrittive d’Europa in materia.

La legge in vigore in Irlanda consente l’aborto soltanto in pochissimi casi, tra cui il rischio per la vita della madre. Con l’abrogazione dell’articolo 8 della Costituzione l’interruzione di gravidanza sarà consentita entro le prime 12 settimane e tra la 12ª e la 24ª in circostanze eccezionali.

Secondo l’exit poll pubblicato dall’Irish Times e effettuato su 4.000 persone il sì avrebbe vinto con il 68% contro il 32% di voti a favore dell’attuale normativa. Secondo la tv nazionale il sì avrebbe addirittura ottenuto il 69%.

Tra i votanti più giovani (18-24 anni) la percentuale più alta di favorevoli, l’87%. I primi risultati ufficiali sono attesi per le 12:00 di oggi, mentre quelli definitivi saranno annunciati nelle ore successive.