Un’agricoltura smart e all’avanguardia grazie all’alta formazione di ISMEA: le selezioni per i giovani agricoltori chiudono il 10 giugno

Innovazione, internazionalizzazione, agricoltura 4.0, sostenibilità, marketing e networking. Sono queste le parole chiave di AgriAcademy, il programma gratuito di alta formazione, targato ISMEA

Innovazione, internazionalizzazione, agricoltura 4.0, sostenibilità, marketing e networking. Sono queste le parole chiave di AgriAcademy, il programma gratuito di alta formazione, targato ISMEA e rivolto a 250 giovani agricoltori, che partirà dalla prossima estate. Le adesioni al bando pubblico di selezione sono aperte fino al 10 giugno 2018.

Ma cos’è la prima AgriAcademy?

Si tratta di un programma di formazione innovativa ed esperienziale con formula executive: due week end (da venerdì a domenica mattina), uno in estate e uno in autunno, in una sede a scelta dei partecipanti tra Roma, Bologna e Bari.

Nella prima tre giorni ci saranno lezioni in aula, laboratori pratici e momenti sociali informali per stimolare l’attività di netwoking. Step successivo, per i più meritevoli del primo gruppo, la formazione aggiuntiva con coaching in azienda o study visit anche all’estero.

“Un progetto – sottolinea ISMEA – che accompagna le aziende agricole guidate da giovani agricoltori, interessati a sviluppare capacità e conoscenze in materia di innovazione, sostenibilità e internazionalizzazione in un percorso formativo non convenzionale. Alle classiche lezioni frontali si alterneranno testimonianze di casi di successo, momenti di networking e sul modello delle maratone digitali (gli hackathon), anche lo sviluppo in squadra di idee progettuali.”

I corsi sono gratuiti per i partecipanti e tutte le spese sono a carico dell’organizzazione.

Take the date

SESSIONE ESTIVA: Formazione, laboratori, networking

ROMA:22-24 giugno

BOLOGNA:13-15 luglio

BARI:20-22 luglio

SESSIONE AUTUNNALE: Presentazione dei progetti di squadra e premiazione

ROMA, BOLOGNA, BARI tra settembre e ottobre 2018 (un weekend per città)

L’iniziativa è promossa da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare) in collaborazione con il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (MiPAAF) nell’ambito del Fondo per lo sviluppo dell’imprenditoria giovanile in agricoltura.