Allarmante studio sul clima: in Antartide sciolti 3.000 miliardi di tonnellate di ghiacci

Nell'arco di 25 anni le piattaforme di ghiaccio dell'Antartide hanno perso 3.000 miliardi di tonnellate di ghiaccio, con un conseguente innalzamento del livello del mare di circa 8 millimetri

scioglimento ghiacciai

Dati all’armanti emergono da un recente studio sul clima: lo scioglimento dei ghiacciai in Antartide sta raggiungendo livelli sempre più pericolosi. Nell’arco di 25 anni le piattaforme di ghiaccio dell’Antartide hanno perso 3.000 miliardi di tonnellate di ghiaccio, con un conseguente innalzamento del livello del mare di circa 8 millimetri. Al calcolo, pubblicato su Nature, hanno contribuito i ricercatori di 44 Paesi, Italia compresa, riuniti nel gruppo Imbie (Ice Sheet Mass Balance Inter-Comparison Exercise).

Nello stesso numero della rivista altri quattro articoli contribuiscono a definire lo stato dell’arte delle conoscenze sullo stato di salute dei ghiacci antartici, sia tracciando possibili scenari futuri.

I nuovi dati pubblicati su Nature “offrono un quadro più coerente rispetto a quello che avevamo in passato”, ha detto uno degli autori della ricerca, Giorgio Spada, docente di Fisica della Terra dell’Università di Urbino.

“E’ lo studio più completo fatto finora sul bilancio di massa del ghiacciaio che ricopre l’Antartide”, ha aggiunto. Grazie ai dati forniti da 24 satelliti è stato possibile misurare con precisione l’aumento del tasso di fusione dei ghiacci in certe regioni.  “L’accelerazione è stata sensibile in alcuni settori, come nella zona occidentale”. E’ inoltre importante considerare il ruolo dei fenomeni che hanno contribuito allo scioglimento dei ghiacci migliaia di anni fa e rimuoverli per avere un’idea più precisa di quanto stia accadendo attualmente.

Questo è particolarmente importante per poter definire degli scenari futuri nel modo più accurato possibile, considerando che lo scioglimento totale dei ghiacci antartici potrebbe far salire complessivamente il livello del mare di ben 58 metri.