Estate al Parco dei Principi: un’oasi di charme nel cuore della Città Eterna

Da Woody Allen a Penelope Cruz sono tantissime le star del panorama internazionale, che hanno scelto il Parco dei Principi Grand Hotel & Spa e il ristorante Pauline Borghese per un soggiorno all'insegna del lusso e del relax, ricco di esperienze gourmet uniche

La  vista incantevole, la ristorazione di altissimo livello e la posizione strategica delle strutture sono gli elementi distintivi che caratterizzano gli alberghi della Roberto Naldi Collection. Recentemente ristrutturato nel design e nell’arredamento, il Parco dei Principi Grand Hotel & Spa sorge nel cuore della Capitale e, con la sua posizione privilegiata nell’esclusivo quartiere Parioli, gode di un’incantevole vista sul parco di Villa Borghese.

Grazie al suo  fascino, alla storicità della struttura, e agli ampi spazi disponibili per ogni tipo di evento, l’hotel è il luogo ideale per riunioni, meeting, ricevimenti e convegni. Immersa nel verde del parco cittadino, si tratta di una location esclusiva e raffinata, a due passi da via Veneto. Gli interni spiccano per l’eleganza delle decorazione barocche, per l’armonia cromatica dei tessuti e per la tecnologia all’avanguardia, presente in tutti gli spazi, garanzia di un soggiorno all’insegna del lusso e del comfort. Con le sue temperature piacevoli e la brezza leggera, l’estate romana permette agli ospiti di godersi un soggiorno di tranquillità sotto il sole della Città Eterna. Dalle terrazze, le camere infatti regalano viste spettacolari con  affacci unici su Villa Borghese e sulla Cupola di San Pietro. Situato al sesto piano, il terrazzo panoramico della Presidential Suite è convertibile in una sala meeting per sei persone, ideale quindi per soddisfare le esigenze degli ospiti, che desiderano una location magica e suggestiva per il loro business.
Un weekend al Parco dei Principi permette di ricaricare le batterie e rigenerare mente e corpo, grazie alla Price Spa. Inaugurata nel 2010, si compone di un’ampia Area Beauty, di una Zona Umida, di un’Area Fitness di circa 500mq e di una Sala Relax. Il must dell’estate è sicuramente la piscina estiva: un’oasi verde, circondata dalla natura rigogliosa e lussureggiante del giardino del Parco dei Principi. Aperta dal 1 Maggio al 30 settembre la piscina semi-olimpionica accoglie sia gli ospiti dell’hotel che gli ospiti esterni, inclusi gli abbonati alla Prince Spa. Servita da un bar & grill, in piscina è possibile gustare sia piccoli snack o anche pasti completi con scelta tra insalate, grigliate di pesce o di carne, pasta e dessert. Per chi invece preferisce rimanere in piscina fino al tramonto, il bar propone un esclusivo aperitivo serale. Durante la stagione estiva infatti non c’è niente di meglio che abbandonarsi a momenti di piacevole benessere, gustando un cocktail a bordo piscina o nell’ampia area solarium, dotata di chaise longue, ombrelloni ed eleganti gazebi per la comodità e la riservatezza degli ospiti.
Per soddisfare i palati più esigenti al Parco dei Principi Grand Hotel & SPA non poteva mancare la cucina gourmet. Il Pauline Borghese Gourmet Resturant prende il nome dalla statua plasmata da Canova ed esposta alla vicina Galleria Borghese. In questo luogo ameno a pochi passi dal parco, gli ospiti possono gustare piatti che uniscono alla tradizione l’estro creativo dell’Executive Chef Gianfranco Calidonna e dello Chef de Cuisine Antonio Menichini, con particolare attenzione ai sapori genuini italiani rivisitati in chiave moderna. Il Pauline Borghese è inoltre il posto ideale per un brunch, un aperitivo, o una cena in un’atmosfera esclusiva e ricercata. Aperto dal lunedì alla domenica dalle 12.30 alle 15 e dalle 19.30 alle 22.30, il ristorante regala veri e propri viaggi sensoriali attraverso il gusto unico di ogni piatto.
Il menù primaverile è caratterizzato da sapori prelibati: gli antipasti spaziano dal cubo di maialino caramellato con insalata, al roché di manzo con pere e pecorino, dalle animelle di vitello con asparagi e astice, alla bavarese di piselli e lingotto di verdure. Abbinamenti e intuizioni sorprendenti come quelli che hanno ispirato i sapori più asiatici de “L’isola che non c’è”, che prevede sashimi di tonno, tartare di gambero, alghe Kombu e brodo profumato all’orientale.
Molto ampia è anche la scelta dei primi, tra cui gli ospiti possono gustare ravioli di coniglio in porchetta con crema di peperoni e briciole di pancetta; una zuppa di piselli e burrata con “aria fritta” di maiale; un risotto con borragine, rombo e zafferano; tonnarelli alla nerano con calamari spillo; pasta e patata con bolla di bufala fumé; o fusilli al ferretto con pomodorini datterini e porri al basilico.
Tra i secondi piatti di carne troviamo invece il galletto ripieno di cicoria e finferli con vellutata di pane speziato; un rollé di vitello con cuore di patate ratte e fave su spinaci liquidi; e un filet mignon in polvere di mandarino tardivo con chicca di foie gras e funghi cardoncelli. Tra i secondi di pesce gli ospiti possono gustare una zuppa del pescato del giorno, con “mangia e bevi” al limone di sorrento e anice stellato; un boccone di cernia grigliato nel suo nido con verdure “mangetout” e patate novelle e capesante scottate con patate in tre consistenze.
Nati dalla creatività dello Chef Pasticcere Andrea Puorro, anche i dessert vantano sapori unici e ricercati, tra i quali vi è lo stecco ghiacciato di piselli su terra di cacao e i suoi germogli; un classico della cucina francese rivisitato, come la tarte tatin di mele annurca con gelato di ricotta di pecora e passito; frammenti di meringa nel suo nido con progresso di frutti rossi del bosco; e charlotte di pistacchi con chiboust alla vaniglia e fragole al porto. Per chi preferisce un dopo pasto più tradizionale può optare per della frutta di stagione o un assortimento di formaggi.
Nella magica cornice del Pauline Borghese Gourmet Restaurant è anche possibile prenotare un menù degustazione, per un viaggio indimenticabile nell’universo dell’alta cucina dall’entrée al dessert.