FAO: avviato il programma Afrisoils per aumentare la produttività del suolo in Africa e ridurne il degrado

Afrisoils è stato lanciato a margine dell'assemblea plenaria della Global Soil Partnership

fao earth

La FAO e la Global Soil Partnership hanno lanciato oggi un nuovo programma per aumentare la produttività del suolo e ridurne il degrado in Africa al fine di incrementare la sicurezza alimentare e nutrizionale del continente.

Il programma Afrisoils mira ad aumentare la produttività del suolo del 30% in 47 paesi africani e a ridurre il degrado del suolo del 25% nei prossimi dieci anni.

L’Africa è il secondo più secco continente al mondo, con quasi la metà della sua superficie desertica e con il 40% colpita dalla desertificazione.

Circa il 65% del terreno agricolo del continente è soggetto a perdite di nutrienti del suolo indotte dall’erosione. La formazione del suolo è un processo lungo e costoso. Se i terreni sono gravemente danneggiati o persi, è molto difficile e costoso ripristinarli e riabilitarli.

Oltre a questo, meno della metà della terra africana è adatta all’agricoltura, e di questa quantità solo il 16% è di buona qualità.

Di fronte a queste sfide, nonostante i progressi compiuti per migliorare l’agricoltura, l’Africa nel suo insieme rimane in gran parte in una situazione d’insicurezza alimentare, che colpisce direttamente il 70% della popolazione che si affida alla poca terra disponibile per coltivare cibo e guadagnarsi da vivere.

Degli 815 milioni di persone sottonutrite a livello globale, 243 milioni sono in Africa.

L’importanza della qualità del terreno

Un suolo sano è il fondamento del nostro sistema alimentare – sostenendo colture salutari che nutrono le persone“, ha detto Rene Castro, Assistente Direttore Generale della FAO, del Dipartimento Clima, Biodiversità, Terra e Acqua. “Solo con una gestione sostenibile del suolo possiamo raggiungere crescita agricola, garantire la sicurezza alimentare e adattarci a un clima che cambia“.

In molti paesi africani mancano politiche che regolano il suolo, oltre alla capacità, alle conoscenze e all’esperienza per pianificare e attuare programmi di gestione sostenibile del suolo.

“Afrisoils prende in considerazione un insieme di interventi sul terreno e l’adozione delle migliori pratiche di gestione sostenibile, che sono focalizzate sull’aumento del contenuto di sostanze organiche nel suolo africano per migliorarne la fertilità e ridurne il degrado”, ha affermato Castro.

Sono necessari 50 milioni di dollari per realizzare questo programma su larga scala per i primi dieci anni. Abbiamo bisogno del sostegno di tutti per questa ambiziosa iniziativa“, ha aggiunto Castro al lancio di Afrisoils, a margine dell’Assemblea plenaria della Global Soil Partnership (PA).

Per avere terreni più sani

Per rendere i terreni più fertili e a lungo termine, si devono adottare pratiche di gestione del suolo sostenibili che siano di natura integrale. Non possiamo fare affidamento solo sui fertilizzanti minerali – una pratica comune in tutto il mondo – poiché la fertilità e la salute del suolo dipendono da come si riesce ad incrementare il sistema suolo nel suo complesso. Abbiamo bisogno di utilizzare soluzioni intelligenti, a lungo termine, che aumentino la produttività, salvaguardando al contempo i servizi eco-sistemici, prevenendo l’inquinamento e il degrado“, ha dichiarato Ronald Vargas, del Dipartimento Terra e Acqua della FAO.

Alcuni degli interventi del programma Afrisoils si concentrano su:

• Aumentare il carbonio organico e la materia organica del suolo, elementi essenziali per la sua fertilità, lasciando residui di colture e composti; utilizzando la rotazione delle colture e la diversificazione per catturare l’azoto del suolo; usando fertilizzanti naturali.
• Attuare misure di conservazione del suolo e di controllo dell’erosione (come siepi, linee di livello, terrazzamenti);
• Riabilitare i terreni degradati (compresa la bonifica dei terreni inquinati);
• Frenare la deforestazione;
• Utilizzare pratiche agroforestali intelligenti dal punto di vista del clima;
• Utilizzare l’irrigazione per migliorare la produzione agricola;
• Istituire o attrezzare laboratori di analisi del suolo;
• Costruire la capacità degli agricoltori di utilizzare e adottare pratiche di gestione sostenibile del suolo;
• Sostenere i servizi di divulgazione nazionale attraverso il programma Soil Doctors;
• Favorire la creazione di legislazioni e linee guida politiche per la gestione sostenibile del suolo.
• Migliorare le capacità tecniche per una gestione sostenibile del suolo.

Assemblea Plenaria della Global Soil Partnership

L’assemblea plenaria della Global Soil Partnership (PA) è la sede principale in cui tutti i partner si riuniscono per prendere decisioni importanti sui programmi relativi alla gestione dei suoli a livello mondiale.

Dagli utilizzatori dei terreni ai responsabili politici, uno degli obiettivi chiave della Global Soil Partnership è migliorare la governance e promuovere una gestione sostenibile del terreno.