Terremoto, Lucca: evacuati scuola e tre alloggi, “edifici vulnerabili”

Ordinanza del sindaco di Lucca Alessandro Tambellini, firmata oggi, per vietare l'accesso e la permanenza in un edificio della città in via San Nicolao, che non ha superato i requisiti di vulnerabilità sismica

LaPresse/Paolo lo Debole
Ordinanza del sindaco di Lucca Alessandro Tambellini, firmata oggi, per vietare l’accesso e la permanenza in un edificio della città in via San Nicolao, che non ha superato i requisiti di vulnerabilità sismica dopo recenti verifiche strutturali.
L’edificio ospita gli istituti scolastici superiori Civitali-Paladini, una scuola materna e un asilo nido, e, in una parte, anche tre alloggi popolari. Dalla relazione tecnica sulla “vulnerabilità sismica” pervenuta oggi dalla Provincia, spiega una nota del Comune, l’immobile “non ha condizioni strutturali idonee a garantire la
sicurezza statica”.
“In particolare“, si spiega, “le valutazioni numeriche sono state effettuate per carichi gravitazionali e sismici” e “dalle analisi risulta che sono presenti strutture verticali e orizzontali con coefficiente di sicurezza non sufficienti”.
Già nei giorni scorsi sono stati predisposti locali idonei per proseguire le attività dell’asilo e del nido mentre le tre famiglie che vivono negli alloggi evacuati hanno traslocato in altri alloggi del patrimonio Erp a Lucca. La strada rimane transitabile per pedoni e veicoli ma viene transennato il lato dell’edificio in attesa di verifiche più accurate.