AIDAA: unione sessuale tra uomini e animali regolamentata dalla legge? Il sottosegretario chiarisca

Di seguito un comunicato stampa di AIDAA in merito all'unione sessuale tra uomini e animali: chiedono chiarezza da parte del sottosegretario Sibilia (M5S)

Era l’11 dicembre del 2012 quando le agenzie stampa battevano una notizia destinata a lasciarci a bocca aperta, -scrivono AIDAA in un comunicato stampa –  il  futuro deputato del movimento 5 stelle (divenne parlamentare tre mesi dopo) Carlo Sibilia  lanciava la seguente proposta :“Discutere una legge che dia la possiblità agli omosessuali di contrarre matrimonio (o unioni civili), a sposarsi in più di due persone e la possibilità a contrarre matrimonio anche tra specie diverse purché consensienti”.

Questa notizia era poi rimasta nei cassetti fino a questi giorni quando Carlo Sibilia è stato nominato sottosegretario al ministero degli interni e la sua strana proposta riesumata da diversi giornali e francamente ha creato non poco disagio anche tra gli amanti degli animali che da anni si battono per combattere la zoorestia ovvero l’unione sessuale tra uomini e diverse specie di animali, che invece a quanto appare dalla dichiarazione del neo sottosegretario risalente al 2013 dovrebbe non solo essere tollerata ma essere coronata nientemeno che da una legge che ne preveda addirittura il matrimonio da qui la richiesta urgente del presidente AIDAA Lorenzo Croce che il neosottosegretario chiarisca la sua posizione in merito a questa proposta.

“Vorremmo capire se questo signore è per caso favorevole alla zoorestia- ci dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA- perché leggendo anche a distanza di anni questo post si rimane scioccati e non poco che al governo possa esserci una persona che voglia far sposare uomini ed animali seppure consenzienti quindi a scanso di equivoci presenti e futuri– conclude Croce- il sottosegretario Sibilia chiarisca la sua posizione ed il suo pensiero sulla unione tra uomini o donne ed animali, e se intendeva altro lo specifichi perché a noi questa dichiarazione appare quantomeno orribile e contro natura”.