Fisica: addio a Richter Burton, scoprì il quarto quark

Addio al fisico statunitense Richter Burton, Premio Nobel per "il lavoro pionieristico nella scoperta di un nuovo tipo di particella elementare pesante"

E’ morto mercoledì scorso a Palo Alto, in California, all’età di 87 anni, il fisico statunitense Richter Burton, Premio Nobel per la fisica per “il lavoro pionieristico nella scoperta di un nuovo tipo di particella elementare pesante“.
L’annuncio della scomparsa è stato dato dalla Stanford University di cui era professore emerito di fisica, titolare dal 1967 della cattedra Paul Pigott.
Nel 2012 ha ricevuto il Premio Enrico Fermi dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti d’America. Era membro della National Academy of Sciences, dell’American Academy of Arts and Sciences, dell’American Association for the Advancement of Science, dell’International Union of Pure and Applied Physics, di cui è stato presidente, e dell’American Physical Society. Nel 2001 fu insignito della laurea honoris causa in fisica dall’Università di Pisa.
Ha condiviso con Samuel Ting il Premio Nobel per la fisica 1976. Grazie ai suoi studi è stata accertata l’esistenza del quarto quark.