Salute & Tecnologia: l’abuso di social e chat aumenta il rischio di deficit di attenzione (ADHD)

I giovani che abusano di smartphone e altri device incorrono in un rischio doppio di sviluppare disturbi comportamentali come il deficit di attenzione

smartphone

Secondo uno studio pubblicato sul Journal of the American Medical Association, i giovani che abusano di smartphone e altri device incorrono in un rischio doppio (rispetto a coetanei che li utilizzano poco) di sviluppare disturbi comportamentali, in particolare il disturbo da iperattività e deficit di attenzione (ADHD).

La ricerca ha studiato l’uso di social media, chat, video in streaming, rispetto a TV e videogame, relativamente a un campione di 4100 ragazzi di scuola superiore (15-16 anni), da cui hanno selezionato 2.587 giovani senza ADHD: sono stati suddivisi in tre gruppi a seconda della frequenza di uso di 14 piattaforme digitali e dopo due anni è stata valutata la comparsa di nuovi sintomi di ADHD in questi giovani inizialmente sani.

Si è scoperto che la probabilità di comparsa di sintomi di ADHD nei due anni di studio per gli utilizzatori assidui di social media e device è quasi doppia rispetto ai coetanei che li usano meno.