Salute, lo studio: vivere in campagna rallenta il declino mentale

Addio città, per il bene del nostro cervello. Vivere in campagna preserva le capacità cognitive delle persone, una volta che invecchiano

Picasa

Addio città, per il bene del nostro cervello. Vivere in campagna preserva le capacità cognitive delle persone, una volta che invecchiano. A rivelarlo un’analisi decennale condotta su oltre 6.500 persone residenti nel Regno Unito, secondo cui il declino mentale risulta più lento tra coloro che vivono nei villaggi e nei quartieri rurali.

Gli scienziati dell’istituto di Barcellona per la Salute globale ritengono che l’assenza di inquinamento, lo stile di vita più attivo e la riduzione del rumore e dello stress contribuiscano a creare questo fenomeno.

Pubblicato sulla rivista ‘Environmental Health Perspectives’, lo studio ha seguito partecipanti di età compresa tra 56 e 68 anni, sottoponendoli a una serie di test cognitivi a tre intervalli, per valutare il loro ragionamento verbale e matematico, la fluidità verbale, la memoria a breve termine, nonché il declino di queste funzioni.

Nell’arco di più di un decennio, il peggioramento cognitivo di chi abita in campagna risulta in media del 4,6% in meno rispetto ai residenti in aree urbane. In più, i risultati hanno indicato che l’associazione tra vita rurale e declino cognitivo è maggiore nelle donne che negli uomini.

Ora, dunque, “esistono prove sul fatto che il rischio di demenza e il declino cognitivo siano influenzati dall’esposizione a elementi ambientali legati alla città, come l’inquinamento atmosferico e il rumore, e allo stile di vita, come la presenza di stress e la sedentarietà”, spiega Carmen de Keijzer, che ha guidato l’indagine. E chi di noi vive in una metropoli non faticherà a credere a tutto questo.