Alimentazione: ecco a che ora bisogna cenare per dimagrire

Alimentazione: ecco a che ora bisogna cenare per dimagrire

La cena è uno dei pasti più importanti e oltre che essere bilanciata, dovrebbe essere fatta ad una certa ora specie se si vuole dimagrire. In realtà cenare un'ora e mezza prima del solito e fare colazione un'ora e mezza dopo può aiutare a ridurre il grasso corporeo

mangiare velocemente

La cena è uno dei pasti più importanti e oltre che essere bilanciata, dovrebbe essere fatta ad una certa ora specie se si vuole dimagrire. In realtà cenare un’ora e mezza prima del solito e fare colazione un’ora e mezza dopo può aiutare a ridurre il grasso corporeo. A suggerire un cambiamento d’orario come stratagemma perdi-peso è un nuovo studio pubblicato sul ‘Journal of Nutritional Sciences’, durato 10 settimane nel corso delle quali il team di Jonathan Johnston dell’Università del Surrey (Gb) ha diviso i partecipanti in due gruppi: nel primo, le persone dovevano ritardare la loro colazione di 90 minuti e cenare 90 minuti prima, mentre gli altri consumavano i loro pasti normalmente. A differenza di studi precedenti in questo settore, ai partecipanti non è stato chiesto di attenersi a una dieta rigida: potevano mangiare liberamente, purché all’interno di una certa finestra di tempo.

Ebbene, il team ha scoperto che coloro che hanno cambiato l’orario dei pasti hanno perso in media più del doppio di grasso corporeo rispetto al gruppo di controllo. I risultati di questo studio pilota dovranno essere ora approfonditi in ricerche più ampie, per confermare se l’alimentazione ‘a tempo limitato’ abbia benefici per la salute.

Andrew Mente, che ha presentato i risultati alla conferenza della Società europea di cardiologia (Esc) a Monaco, ha spiegato che il grasso saturo contenuto nella carne e nei prodotti lattiero-caseari potrebbe avere una funzione protettiva ‘nascosta’ per il cuore. In più, coloro che mangiano più grassi probabilmente consumano meno carboidrati, molti dei quali sono spesso elaborati e zuccherini, molto più dannosi.

Le persone, ha raccomandato l’esperto, dovrebbero comunque puntare a una dieta varia e che prediliga alimenti non lavorati. Jeremy Pearson, direttore medico della British Heart Foundation, ha commentato la ricerca evidenziando che “mangiare bene significa guardare la propria dieta nel complesso, piuttosto che concentrarsi sui singoli elementi. La carne e i latticini possono contribuire a una dieta sana ed equilibrata, purché vengano consumati con moderazione insieme a molta frutta e verdura, legumi e cereali integrali”.

 

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...